BRASILE PECCATO ORIGINALE!!!!!!!!!!!!  

Racconto di viaggio 2006

di Flavia e Roberto

 

Ciao ragazzi sono appena tornata dal Brasile e adesso sono seduta di fronte il mio computer che tanto mi ha aiutato in questo viaggio.

 

DURATA : DAL 12/02/2006 AL 05/03/2006.

COMPAGNIA AEREA ALITALIA E VARIG (quest’ultima che sconsiglio vivamente in quanto ha cancellato 2 voli con la scusa di aver problemi tecnici , la verità è che eravamo solamente 18 in tutto l’aereo ed hanno preferito raggruppare 3 voli in 1 , risparmiando tanti bei soldini e facendoci girare con le valigie per oltre 50 ore) ed oggi sono arrivata.

LUOGHI :Foz do Iguacù (Paranà), Ilha de Santa Catarina (Santa Catarina),Rio De Janeiro (RJ), Ilha Grande(RJ).

MEZZI DI TRASPORTO: aerei interni (brasil air pass 360 euro), omnibus, Bondinho, taxi, traghetti, autobus delle agenzie del turismo.

CAMBIO : prima di partire 2,77, appena arrivati 2,53 scendendo vertiginosamente a 2,40. Contando che l’anno scorso stava a 3,50.

 

FOZ DO IGUACU’ :Luogo spettacolare dove tutto ciò che ti circonda , natura , cascate, animali ti fa rendere conto di quanto l’uomo non apprezzi e non rispetti ciò che di più importante dovremmo salvaguardare , la natura incontaminata.La potenza delle cascate, la nebbiolina d’acqua che si dissolve al termine della caduta , sembra gridare all’uomo la propria energia , l’esigenza di liberarsi. Quando ci troviamo di fronte ad uno spettacolo naturale del genere non possiamo far altro che meditare ed ascoltare nel silenzio le grida delle cascate, che impazzite uniscono le loro acque e interrogarsi sul perché l’uomo, con tanta ferocia si scaglia, distruggendo le bellezze del mondo sostituendole con asfalto e grattacieli.

Per coloro che decidono di andare alle cascate io consiglio di andare direttamente dal lato argentino, lo scenario è sicuramente più bello di quello brasiliano.

          

MACUCO SAFARI: da fare inevitabilmente! l’adrenalina ed il sentirsi così piccoli quando si ci trova con il gommone sotto le cascate non può non esser piacevole ed emozionante. 

Consiglio:  fate il macuco in argentina e non in brasile , costa meno ed è più emozionante.

In argentina non lo chiamano però MACUCO bensì ADVENTURE…………….

 

MARCO DAS TRES FRONTEIRAS: in argentina. Si ha una bella veduta sul territorio del Brasile(a destra) e del Paraguay(a sinistra).

                         

Curiosità: appena mettete piede in territorio argentino, la frontiera vi farà disinfettare le vostre scarpe su di un tappeto imbevuto di  disinfettante  e le ruote della macchina dovranno passare in una pozza di liquido e acqua questo perche?

Gli argentini dicono che in Brasile, ci sono animali e insetti infetti e non si deve contaminare il territorio argentino.MAHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!              

Costi : entrata nel parco brasiliano 20R$ a persona. entrata nel parco argentino con ADVENTURE (gommone) 30 R$ a persona.

 

FLORIANAPOLIS – STATO DI SANTA CATARINA –ILHA DE SANTA CATARINA

Non avevamo un programma ben preciso, ma il mio desiderio era andare nella valle d’Europa ossia Blumenau, Pomerode………. e scendere poi verso Laguna.Sull’aereo abbiamo cambiato idea e parlando con alcuni brasiliani che ci hanno detto “La Germania ce l’avete vicino perché andare a Blumenau?”

Prendo la mia guida e ricordando di aver letto di un bel paesino di pescatori decido allora per quest’ultimo.

 

BARRA DA LAGOA: paesino di pescatori.La maggior parte delle case a tetto spiovente di color azzurro, verde, bianco e giallo ricordano le loro origini, le Azzorre. Decidiamo di prendere una stanza presso il primo ristorante sulla spiaggia che incontriamo. 60 R$ a notte , camera, cucina , bagno e balconcino.Questo tranquillo paesino è veramente a misura d’uomo , ciò che fa per noi lontani dalla centro dove si trova il famoso ponte che collega l’isola alla terra ferma, luogo che oltre a grattacieli e traffico non offre tanto.  La sera si può tranquillamente passeggiare nelle vie, ascoltando musica guardando i brasiliani che fanno la capoeira(danza rito afrobrasiliana)nata dal combattimento tra padrone e schiavo, molto frequente e più originale si può vedere nello Stato di BAHIA.

       

ILHA DO CAMPECHE: potete fare un’escursione direttamente da barra da lagoa, accertatevi che il tempo sia buono perché  appena sbarcati ci ha accolto un bel diluvio e l’unico bar-ristorante che c’era non riusciva ad contenerci tutti, quindi abbiamo trascorso la maggior parte del tempo sotto delle piante coperti dagli asciugamani, cmq è consigliabile visitare l’isola ricca di vegetazione a piedi per 5 R$.Totale escursione 35R$ a persona.

 

                        

PRAIA DI JOAQUINA:dune gigantesche e bianchissime, dove per arrivare a mare ti chiedi quanto dovrai ancora camminare.Qui si svolgono ogni anno, le gare internazionali di surf (dove abbiamo conosciuto l’unico italiano andato per gareggiare.)

LAGOA DA CONCEICAO: a poca distanza da barra da lagoa.La nostra intenzione, era di avvicinarci il più possibile all’aereoporto in quanto il giorno seguente avremmo avuto il volo per RIO.Sull’autobus un signore dalla barba lunga, simpaticissimo abituato a viaggiare con uno zainetto sulla spalla, che diceva di arrivare da Zurigo con la compagna altrettanto simpatica, ci consiglia di non andare al centro  in quanto sapevamo già che non offriva nulla.Sull’autobus vediamo questo bel lago, che già all’andata mi era piaciuto, le casette tutte colorate un po’ come Barra da lagoa. Decidiamoquindidi scendere dall’onibus e ringraziando il signore barbuto ci accingiamo per trovare un hotel.Ecco fatto 50 R$. Il paese offre sicuramente più di Barra da Lagoa , basta avvicinarci  più al centro di questo paesino ed ecco apparire centri commerciali, tanti ristoranti, sicuramente più movimentato di Barra da Lagoa. Lagoa da conceicao è la meta più visitata dell’isola di Santa Catarina, un lago riservanaturale.

www.terramares.com.br agenzia del turismo fernandolagoa@bol.com.br affitto di case.

RIO DE JANEIRO: partenza da Lagoa de Conceicao.Quel giorno (19/02/2006) cambiava l’orario e in hotel nessuno ci aveva detto nulla o perlomeno nessuno si era così prodigato nel farmi capire questa cosa.Alle 4 del mattino vediamo che il taxi a cui avevamo dato l’appuntamento non arriva, iniziamo a preoccuparci e il portiere dell’albergo con un sorriso, e con gli occhi che più che aperti erano ben serrati dal sonno,ci dice “Da oggi cambia l’ora, non sono le 4, sono le 3”.Che sonno ragazzi, forse ciò che il portiere, il giorno prima tentava di dirmi in portoghese era proprio questo, ma………pazienza………….Dall’aereoporto evitate  i taxi che costano troppo, prendete un pulmandella RETUR (se non erro il nome)  che per 5,50 R$ a persona, con tanto di aria condizionata , vi porta nella zona che a voi interessa.

Arriviamo a Rio il giorno dopo del concerto dei Rolling Stones, le uniche due pousade a Copacabana ,Pousada Girassol ed un’altra accanto ci chiedono prezzi da capogiro , pari agli hotel 130 R$ a notte, gente strafatta all’entrata delle pousade ci fa una brutta impressione.

Decidiamo quindi di trovare un albergo……….Rio è troppo cara, sicuramente il periodo scelto da me non è stato uno dei migliori , in quanto mancavano 10 giorni al carnevale, purtroppo le mie ferie coincidevano con la festa più grande del Brasile! www.hotelcanada.com.br

                             

Consiglio:     per mangiare a poco prezzo a Rio ci sono i ristoranti a kilo, si sceglie sul buffet ciò che si desidera mangiare e poi si pesa il piatto, una media della spesa va dai 14 real mangiare + bere.

Un’ altra tipologia è mangiare a menù fisso, buffet stracolmi di mangiare, con camerieri che portano ogni 30 secondi 15 tipi di carne .Si spende + di quello a kilo.Il più famoso ristorante a menù fisso frequentato da molti brasiliani si trova a Copacabana nell’Avenida Nsa.sra.de Copacabana 796 si chiama monchique www.monchique.com.br. I ristoranti in prossimità della spiaggia sono i più cari.

COPACABANA : la spiaggia più famosa di Rio De Janeiro.Mi aspettavo caos, delinquenza,  e poca tranquillità a livello della spiaggia di BARRA di SALVADOR, ma  per fortuna siamo stati veramente tranquilli, l’unica precauzione è di evitare di passeggiare la notte sulla spiaggia , anche se illuminata, in quanto ci sono gli squadroni dei bambini, che nascosti aspettano il turista e se tutto va bene ti spogliano di tutto ciò che hai.

 

Il lungomare di Rio , e la città offre tutto ciò che il turista desidera,dal caos alla tranquillità, dalle montagne al mare, dalle discoteche alle serate sul pao de acucar.La spiaggia è bella e lunghissima, ma molto turistica, l’acqua non è pulita.Purtroppo da parte dei turisti e brasiliani abbiamo riscontrato poco rispetto per la natura, tutto ciò che è spazzatura viene gettata a terra, sulla sabbia e a mare, e le uniche cose che vengono raccolte con tanto affanno  sono le lattine.

Si vedono decine e decine di persone, che si affannano a raccoglierle con bustoni enormi ed io inizialmente pensai “Però che servizio,divideranno tutti i tipi di materiali e faranno così anche con bottigliette d’acqua, buste etc………….”e invece no.Le lattine vuote vanno pesate e a seconda del peso c’è una ricompensa .E’ un lavoro anche questo.Peccato per tutta la spazzatura, che per centinaia di anni attraverserà gli oceani prima di decomporsi.

IPANEMA: spiaggia più tranquilla di Copacabana, la sera non offre un granchè oltre a ristoranti pieni di turisti ben vestiti, che si ingozzano e trascorrono tutta la vacanza a prendere il sole ad Ipanema dicendo “sono stato in BRASILE” ,tu gli  chiedi “che bello, allora che hai visto?” e loro “ipanema , ipanema ,ipanema”.

CRISTO REDENTOR:arrivati alla biglietteria , ci dicono che c’è poca visibilità decidiamo cmq di andare e con il trenino a cremagliera dopo 3,5 km arriviamo sul cristo, la nebbia ci avvolge e nonostante il cristo stesse a 1 metro da noi non se ne vedeva l’ombra.Curioso è stato guardare un’anziana brasiliana sugli 80 , che con una sigaretta in mano a braccetto della figlia, aspettava il cristo apparire, e che fino a quel momento non aveva mai visitato.Tutti ad aspettare l’apparizione ed ecco……………….la nebbia si dissolve e con tanto di grida iniziamo a filmare e a fotografare.

L’apparizione durava solamente  una 20ina di secondi, sembrava veramente di assistere ad un miracolo, questo cristo perfetto, e le mani aperte come se volesse abbracciare tutto il popolo di Rio de Janeiro, la sensazione e l’emozione è fortissima, quella statua tanto famosa in tutto il mondo da un senso di potenza inaudito, la nebbia ha sicuramente contribuito a rafforzare l’emozione e a rendere più mistica la cosa. Costo dell’entrata 36 R$ a persona.

PAO DE ACUCAR: decidiamo di chiamare un ragazzo italiano conosciuto grazie al sito Turisti per caso, che ha aperto un’agenzia a Rio . 

Gianluca Fabris- rua alcindo guanabara 24, sala 1706

Ufficio telefono 22479958 cell. 2316990 www.vivoario.com

 Dalla praca General Tiburcio, nel quartiere Praia Vermelho c’è la funivia che porta fino alla cima del Morro Da Urca, da dove

con una seconda cabina si raggiunge il Pan di Zucchero.

La visuale su Rio è bellissima, si ha finalmente una visione globale dall’alto di che cosa possa essere questa immensa città.

  

MARACANA’ :ossia stadio di Mario Filhos, nonostante sia lo stadio più grande del mondo (170000 persone), non mi ha dato questa impressione.All’entrata ci sono tutte le  impronte dei giocatori più famosi con i relativi nomi.

Gli spogliatoi sono semplici, essenziali, privi di quadri e colori (per non far distrarre i giocatori prima della partita).Le vasche e le doccie molto piccole.Fuori dal Maracanà si vendeva l’erba, il manto erboso è stato completamente cambiato e venduto anche all’asta su internet.

 

QUARTIERE DI SANTA TERESA: Bondihno chiamati così dai carioca, costruiti nel 1896

 ormai rimasti in 4, sono dei “tram” su cui le persone viaggiano seduti pagando un biglietto di appena 0,60 R$ oppure,viaggiando aggrappati all’esterno non pagando il biglietto (vi consiglio quest’ultima soluzione.), passerete su di un ponte strettissimo ad archi,alto 64 metri dove tra il vostro corpo e il ponte ci sarà solamente 1 metro di distanza.I brasiliani ci guardavano e ridevano, le signore ci pregavano di sederci e noi non  facevamo altro che ridere per il divertimento, per loro invece inusuale vedere  turisti aggrappati fuori come i  carioca.Alla fine del mio viaggio, abbiamo ricevuto tanti sorrisi e tanti pollici alzati.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

CATTEDRAL DE SAO SEBASTIAO: a forma di piramide, grigio scura, con una capienza di 20000 persone , ma a mio avviso molto fredda.

   SAMBODROMO: quando guardavo in televisione pensavo che quei carri fantastici passassero per le vie di Rio, invece no. Il sambodromo, luogo in cui si svolge il  maestoso e fantastico carnevale del mondo è una via con le varie platee (a seconda del prezzo del biglietto), in cui sfilano le 7 scuole più importanti di Rio.Ogni scuola sfila per almeno 1ora e 30 e la cosa avviene molto lentamente a differenza di come pensavo.

 

 

ILHA GRANDE:  Arriva il giorno della partenza per Ilha grande, evitiamo il carnevale a Rio perché a detta di tutti è molto pericoloso ( me ne sono pentita). Il giorno prima essendo una brutta giornata grigia e non potendo andare al mare decidiamo di informarci sull’ orario del pulman, che ci avrebbe portato a Mangaratiba, il porto da dove avremmo dovuto prendere un traghetto per Ilha Grande.Prendiamo quindi un autobus(n°126 c’è scritto Rodoviaria) da Av.ns.Sehora e arriviamo dopo 40 minuti  arriviamo alla rodoviaria ci danno indicazioni per la compagnia COSTA VERDE chiediamo l’orario di partenza e ci dicono alle 7.10,chiedo anche se è possibile acquistare i biglietti il giorno stesso della partenza e  loro ci rispondono di si.

24/02/06 alle ore 06.00 ci viene a prendere un taxi in hotel arriviamo alla rodoviaria e ci dicono che i biglietti sono terminati.Il sangue alla testa non si è fatto attendere, purtroppo una caratteristica da non sottovalutare dei brasiliani è la superficialità e se tu ti arrabbi, state sicuri che loro non si scomoderanno o torneranno a casa dicendo che è stata una brutta giornata, l’unica risposta che ti daranno è “DESCULPE” inventandosi tante di quelle scuse, che tu per la difficoltà della lingua e per il nervosismo stenti anche ad ascoltarle.Perfortuna due ragazzi rinunciano alla partenza e compriamo il loro biglietto  e vedo che l’emissione era avvenuta un mese prima (loro si che sono previdenti).

Costo del pulmann Costa Verde: 13 RS a persona.

Arrivati a Mangaratiba , vado subito nell’unica compagnia che avrebbe emesso i biglietti per il “traghetto”, arrivano altri pulmann e la fila per salire a bordo diventa lunghissima , almeno 1500 persone con una barca, che ne poteva contenere meno della metà.Iniziamo quest’avventura , uno sull’altro con la puzza sotto al naso delle decine di scatole che contenevano camarao.

Costo del traghetto : 5R$ a persona. 2 ore circa di percorrenza.

Arrivo ad Ilha grande, primo impatto positivo.Niente auto, solo carretti cerchiamo la nostra pousada, che avevo precedentemente prenotato dall’Italia confrontando i prezzi era l’unica, che per il pacchetto di carnevale (5 notti) ci chiedeva 1180,00R$ contro i 1800 e 2200 delle altre pousade. La pousada era l’ultima sull’isola, tranquilla e carina.www.ilhagrande.org potete trovare tutte le pousade dell’isola oltre ad una descrizione ben dettagliata del luogo.

Mariangela la proprietaria della Pousada Pedra D’Agua, ci accoglie con un buon succo.E’ stata di una gentilezza unica per tutto il periodo della nostra vacanza , persona onesta e alla mano sempre a disposizione per qualsiasi esigenza e spiegazione. L’isola è molto bella, ricca di vegetazione, la vita notturna si svolge per lo + tra la piccola piazzetta dove c’è una chiesa e la spiaggia di Villa Do Abraoo. Quest’ultima da sconsigliare per chi volesse trascorre delle giornate di mare.L’isola è circondata da tante spiagge, più o meno belle e più o meno grandi,

si possono raggiungere tramite sentieri oppure grazie ad alcuni TAXIBOAT che per 10 R$ effettuano il trasporto.Anche qui abbiamo riscontrato poco rispetto per la natura, quindi bottiglie e splastica da per tutto, bisogna tener conto però, che in quel periodo in Brasile ci sono centinaia e centinaia di turisti, che invadono tutti i luoghi più conosciuti.  

LAGOA AZUL:    Compriamo il biglietto per quest’escursione e ci lasciano a terra, la barca era stracolma di gente, l’agenzia ci restituisce i soldi e ci dice “DESCULPE” oramai questa parola la conosco benissimo.

Ancora Pazienza! Acquistiamo il biglietto in un’altra agenzia per il giorno seguente.LAGOA AZUL mare spettacolare, ne vale veramente la pena l’acqua cristallina di una limpidità unica, con pesci a striscie gialle e nere.

 Finalmente un luogo incontaminato dove poter fare un bagno rinfrescante.

 

FETICEIRA DE SANTANA: isoletta con 3 spiagge, una chiesetta bianca un po’ nascosta nella vegetazione.Niente di speciale.

                         

Costo dell’escursione : 25R$ a persone.

LOPE MENDES: con 15 R$ a persona a/r. una barca vi porta in una delle più belle baie

 brasilane.Sabbia finissima bianca, luogo ideale per il surf. Spiaggia lunghissima e pulita, ne vale veramente la pena.La barca vi lascerà su di un pontile e seguendo le indicazioni dovrete camminare per circa una ventina di minuti, facendo piacevoli incontri con piccole e buffe scimmiette, che vi guardano incuriosite nascoste dietro  gli alberi.

 

 

RIO E FINE VIAGGIO:Torniamo a Rio decidendo di prendere un traghetto non più per Mangaratiba ( solo una partenza) , ma per Angra Dos Reis (partenze + Frequenti).Arrivati prendiamo un pulmann , che ci riporterà nella RODOVIARIA NOVA RIO( dopo 3 ore di pulmann) .

Costo traghetto per Angra: 15 R$ a persona.

Costo pulmann da Angra per Rio : 25 R$ a persona.

Ritorniamo nell’hotel in cui eravamo stati precedentemente , e prendendoci in giro ad una nostra richiesta di sconto ci tolgono 16 R$ a notte, ma solo perché l’ascensore è rotto e per noi è sicuramente un disagio, ci assicurano cmq che verrà aggiustato entro 3 ore. Ci mettono al 6° piano.Partiamo dopo 3 giorni e l’ascensore era ancora rotto, e a quello che “pensavo” fosse stato l’ultimo DESCULPE , non faccio + caso, tanto tra 26 ore di viaggio saremmo in Italia “pensai”.

CHECK IN AEREOPORTO: guardo il n° del volo sul tabellone e leggo “CANCELLAO”

vado dall’hostess di terra per chiedere spiegazioni “DESCULPE, problema tecnico”, ma non era vero (leggi inizio diario).Ci pagano l’hotel a LEME, sulla spiaggia di Rio e partiamo il giorno seguente. A dir la verità in Brasile ci hanno trattato bene a differenza di Milano.

Arriviamo a Milano alle 4 del mattino e ci pagano un altro hotel per rimanere solo fino alle 07.00 (3 ore), l’autista dell’aereoporto Milanese ci tratta veramente male, quasi ritenendoci colpevoli del fatto che, alle 4 del mattino a causa nostra doveva guidare per 20 minuti fino all’hotel. Forse poverino aveva ragione faceva tanto freddo, mentre noi causa di tutto

avevamo  fatto solo un viaggio di oltre 50 ore con le valigie dirottate a Milano anzicchè a Roma e che per puro caso, siamo andati a guardare se fossero srrivate sul carrello del volo RIO-MILANO.

FAI DA TE!!!!!!!!!!! NO ALPITOUR?????AHIAHIAHIAHIA!!!!!!!!!!!!!

Viaggiare è amare, conoscere e rispettare!!!!!!!!!!

Non c’è cosa più bella al mondo!!!!!!

                                                

                                         

                                         

 

Flavia

mannucci79@tele2.it 

 

Home ] AFRICA ] AMERICA ] ASIA ] EUROPA ] OCEANIA ]