VIAGGIO NEL SUD INGHILTERRA

Diario di viaggio 2006

di Mascia e Alessio

 

Autori

Mascia e Alessio di Ferrara

Periodo viaggio

Dal 3 al 14 agosto 2006

Volo

British Airways 198 euro a/r  a persona

Costo del Viaggio

1300 euro (volo, noleggio auto, benzina, pasti, alloggi e strusci compresi, a persona)

Alloggi

Bed & Breakfast, Hotel, Guest House prenotati di tappa in tappa (234£ escluso l’Hotel a Londra)

Spostamenti

Affitto auto Avis (231£ per 9 giorni)

Spesa totale per la benzina per circa 1840 Km: 122£

 

Guida usata Touring Club e soprattutto fotocopie di resoconti di viaggio recuperati in internet

 

 

1° Giorno (Gatwick – Canterbury)

3 agosto 2006

E’ iniziato il nostro nuovo viaggio verso le favolose terre dell’Inghilterra del Sud. Arrivati a Gatwick alle 14 e preso possesso di un Golf nera con guida a destra (ovvio siamo in England!) ci siamo diretti verso Canterbury. Le autostrade sono abbastanza trafficate, non a pagamento e per ora facili da seguire... M25, M26, M20... siamo arrivati a Canterbury.  Alle 17 l’ufficio informazioni turistiche era già chiuso, ma grazie all’aiuto di un signore del posto della falegnameria “Father” abbiamo trovato un b&b carino, ALICANTE Guest House al 4 di Roper Road (www.alicanteguesthouse.co.uk), per 50£ la doppia, gestito da Jo e Dave, una simpaticissima coppia very english! Abbiamo visitato la Cattedrale di Canterbury...uno spettacolo! Bellissima, in stile gotico, antichissima... L’origine della Chiesa fu del tempo di Sant’Agostino, poi ricostruita nel 1070,  distrutta in buona parte e ricostruita nel 1378 e 1490. Incantevole! Abbracciata dal centro cittadino in stile medievale, stradine strette e case a graticcio. E circondata in buona parte ancora dalle mura. Cena da Curry Club, di fronte alla Great Hall, per 3,99 £, a base di spezzatino piccante, riso e pane arabo: ottimo! La temperatura è di 14 °C, tira vento e scende una pioggerellina fine fine.

 

2° Giorno (Canterbury - Dover – Hastings – Brighton)

4 agosto 2006

Dopo un’abbondante colazione siamo partiti alla volta di Dover e le sue scogliere. Lo spettacolo è stato esaltante. Siamo poi ripartiti alla volta di Hastings, paesino turistico sul mare, spiaggia di sassolini, mare limpidissimo, affollatissimo di gabbiani, con cui abbiamo condiviso il nostro pic-nic. La tappa successiva è stata Brighton! Che confusione!!! Il giorno successivo c’era il Gay Pride Parade e la città era piena zeppa di partecipanti, in hotel un enorme gruppo di manifestanti donne, che hanno festeggiato tutta notte... Abbiamo visitato le viuzze piene di ristorantini e negozi, il Royal Pavilion, una struttura orientaleggiante in pieno centro. Brighton è un centro sul mare, pieno di strutture alberghiere affacciate sul mare. Su una banchina vi è un parco divertimenti chiamato Pier Brighton, che risale all’inizio novecento. Abbiamo cenato con fish&chips (scegliendo gli scampi, i migliori, non il solito merluzzo) per 5£ sul mare... ottimo! Non come il nauseabondo mangiato anni fa in Scozia. Abbiamo alloggiato al Keehan’s Hotel a Regency Square per 60£ la doppia senza bagno in camera, e senza colazione, abbiamo girato come pazzi per cercare un alloggio, ma in città in pieno agosto e con la Parade del giorno dopo era come trovare un ago in un pagliaio, così ci siamo adattati.

 

3° Giorno (Brighton – Winchester – Salisbury – Stonehenge – Yeovil)

5 agosto 2006

Dopo una succulenta colazione in compagnia dei gabbiani, a base di croissant e nutella presi il giorno prima alla mitica Tesco, davanti all’Oceano su una banchina di Brighton e alla carcassa del West Pier, siamo ripartiti alla volta di Winchester. Era sabato, la strada non troppo scorrevole, così ci abbiamo messo più del previsto. Arrivati a Winchester e parcheggiato per sole 1.4£ (per 2 h) di fianco alla cattedrale abbiamo visitato questa immensa struttura. Bellissima, anche se le guide sostengono che nei secoli le ricostruzioni siano state fatte in modo svantaggioso per la sua originaria bellezza. Attorno alla cattedrale c’è un prato immenso, soffice, qualche lapide qua e là. Abbiamo fatto un giro per il paese molto grazioso, pieno di negozietti all’interno di vecchie abitazioni in graticcio, fino ad arrivare alla Great Hall che conserva la Tavola Rotonda, visitabile e non a pagamento. Pranzo a base di panini farciti di Presto per 2,80£ e via alla volta di Salisbury. Graziosissima anche questo paesino, prettamente turistico, pieno di negozietti e dal sapore antico. Cattedrale incantevole! Scorci “veneziani” di qualche canale tra le case dove sguazzano cigni e anatroccoli. Non essendo tardi abbiamo deciso di arrivare fino a Stonehenge. Una visione che ti lascia senza fiato! Era come tuffarsi tra i libri di scuola... quante volte avevamo visto quelle pietre?!? Le nuvole erano grigie, le lunghe distese verdi tutto intorno sembravano schiacciate da così tanta grandezza, che troneggiava già da diversi chilometri di distanza. L’avventura più grande è stata trovare un posto dove dormire. Abbiamo bussato alle porte di tutto il Wiltshire (Mere, Amersbury, Depford, Gillingham...) Finalmente abbiamo trovato a Yeovil al The Memade Hotel al 2 di High Street per 50£ la doppia con bagno in camera e light breackfast (latte, caffe, succo, cereali, toast, burro e marmellata). L’Hotel si trova sopra un pub in pieno centro e il proprietario è un giovane inglese molto simpatico e accogliente. Cena all’ASK restaurant per 11£ a testa...ottima! Visita ai dintorni della città di Yovil, piccola e graziosa.

 

4° Giorno (Yeovil – Torquay – Looe – Polperro)

6 agosto 2006

Prima tappa è stata Torquay. Purtroppo la Torre Abbey con le rovine era chiusa per restauro, così siamo andati a fare un giro per la città, turistica e deliziosa. Quel giorno nel parco della città si svolgeva una festa paesana con bancarelle, divertimenti e una corsa di macchine a pedale, “pedal car”, divertente... abbiamo fatto un pic-nic ai bordi della pista incitanto anche noi i partecipanti!

Ci siamo poi diretti verso Looe e Polperro. Quest’ultimo una chicca! Un paesino di pescatori, turistico, pieno di scorci da cartolina: gabbiani, mare, barche, case tinteggiate di bianco, fili di bandierine triangolari  bianche e azzurre, ...incantevole! A Polperro vi sono tanti negozietti artigianali e di dolcetti. Abbiamo alloggiato al B&B Fernhill The Coombes Polperro (www.polperro.fslife.co.uk)  per 20 £ a  testa, con bagno in condiviso. Alla sera siamo andati ad assaggiare il Cornish Pasty, una specie di calzone con all’interno carne, patate e verdure, il tutto accompagnato da patate fritte e fagioli. Pesantissimo!!!

 

5° Giorno (Polperro – Falmouth – Lizard Point – Penzace)

7 agosto 2006

Dopo un’ottima colazione inglese (la migliore che abbia mangiato in Inghilterra) siamo partiti per Falmouth (come punto a metà prima di arrivare a Lizard). Le strade sono piuttosto incasinate e non ben segnalate. Falmouth è una cittadina sul porto, turistica, molto commerciale, ma se si scende sul mare il panorama è stupendo. Successivamente ci siamo spostati a Lizard Point, il punto  più a Sud dell’Inghilterra. La strada è strettissima, e a volte abbiamo dovuto fare retromarcia per far passare chi veniva dalla parte opposta. Che spettacolo! Un paradiso incantato! Una punta di verde che bacia il mare, sulle rocce gruppi di gabbiani e un vento freschissimo...fantastico! Abbiamo fatto una visita guidata al Faro (2£ gli adulti, 1£ gli studenti + 2,5£ per il parcheggio). Ci siamo poi spostati a Marazion, che da su St. Michael Mount, ma non abbiamo trovato B&B liberi così ci siamo spostati a Penzace, trovando il B&B “Dock Inn” per 50£ la doppia, con bagno e colazione in camera. Dalla finestra della camera vedavamo il mare, il porto e St. Michael Mount.

 

6° Giorno (Marazion – St. Michael Mount – Minack Theatre – Portchurro – Lands End – St. Ives)

8 agosto 2006

Dopo un giro a Penzace per il centro e alla ricerca di due musei che abbiamo scoperto chiusi, siamo ripartiti alla volta della tanto attesa St. Michael Mount, simile all’omonima Mount St. Michael in Normandia. Si accede da Marazion. Quella mattina c’era la bassa marea, la sabbia bagnata affollata di gabbiani, qualche alga, qualche famiglia che prende il sole e dei bambini che giocano con la sabbia bagnata. Abbiamo attraversato il letto dell’Oceano, un po’ sulla sabbia, un po’ sul percorso ciottolato fino a raggiungere Mount St. Michael. Emozionante! Il paesaggio dalla cima del monte, su dal castello era davvero incantevole. L’accesso al Castello è a pagamento (6£). Dopo una breve sosta siamo partiti alla volta del Minack Theatre, un teatro costruito a picco sull’Oceano da una signora inglese, Rowane Cade, dallo stile greco, dove tutt’ora fanno rappresentazioni ogni sera. Anche quella sera ve n’era uno, ma i biglietti erano già esauriti. L’accesso al teatro costa 3£, ma ne vale la pena! Anche per spettacolo paesaggistico tutto intorno. Dall’alto si vedeva Portchurro, una baia dove in tanti prendevano il sole, la sabbia chiara e pulita, il mare verde smeraldo brillante... incantevole! Abbiamo ripreso la macchina e ci siamo diretti a Lands End, la punta più a Ovest dell’Inghilterra. Non ci è piaciuta molto. All’arrivo siamo stati obbligati a parcheggiare per 3£, e siamo entrati in una specie di parco divertimenti. Hanno commercializzato quel posto in modo disgustoso, un luogo così bello immerso nella natura non doveva diventare un parco divertimenti! Passata questa orribile costruzione, siamo giunti fino alla punta. Il panorama era carino, ma abbiamo preferito alla gran lunga Lizard Point, più autentico. Appoggiato alla scogliera c’è quel che rimane di una nave che si era andata a schiantare provocando un grosso danno all’ecosistema marino di quel posto. Alcune foto illustrano il danno: uccelli marini completamente neri “inquinati” dai serbatoi di quella nave. Lasciato quel posto ci siamo diretti a St. Ives e abbiamo trovato un B&B delizioso un po’ in periferia...delizioso! Con anche un divano in camera e la tv satellitare. La signora è stata gentilissima, ci ha subito portato del latte fresco per merenda e dei giornali.

St. Ives è incantevole! E’ affacciata sull’Oceano, vi è un piccolo porticciolo affollatissimo di gabbiani. Era l’ora del tramonto, il sole e le sue mille tonalità di colori rosati e aranciati stemperati tra le nuvole si rispecchiavano sul mare... Bellissimo! Le viuzze interne sono strette e ripidissime, la principale è piena di negozietti artigianali dal sapore marino (piccoli fari, oggetti di conchiglie, ceramiche con disegni e forme del mare...). La via affacciata sul mare invece è piena di ristoranti, vi è l’imbarazzo della scelta. Lì è d’obbligo mangiare pesce... noi abbiamo preso un pesce bianco con salsina di zafferano. Ottimo!

 

7° Giorno (St. Ives – Newquay – Port Isaac – Tintagel – Exeter)

9 Agosto 2006

Ci svegliamo presto anche questa mattina. Fuori piove...una pioggerellina fine fine, molto english!

Partiamo per Newquay, non c’è tanta strada. Arrivati ci dirigiamo sulla scogliera...ventilatissima! Un freddo esagerato, sembra inverno, contrastiamo il vento con difficoltà, ma ci dirigiamo verso la verde duna che porta alla spiaggia, dopo aver pagato un parcheggio costosissimo in mezzo al nulla (ben 4£ per tutto il giorno, non esiste l’opzione per poche ore).  Il panorama che si presenta ai nostri occhi è meraviglioso. L’oceano mosso che si infrange sulla scogliera, la spiaggetta bianca incastonata tra le scogliere, qualche surfista che sfida le onde del mare mosso. Incantevole!

Il Centro di Newquay è piano di negozietti per surfisti. Facciamo un breve giretto e ci dirigiamo a Tintagel  passando per Port Isaac, un porticciolo graziosissimo. Arrivati a Tintagel posteggiamo per 1,5£ (per 4 ore) e ci incamminiamo per il Castello che la leggenda volle fosse di Re Artù, o meglio quello che ne rimane. La strada è un Sali e scendi. Una volta entrati nel Castello (4,20£ adulti, 3,10£ studenti) attraversiamo scalinate rapidissime e strette (da rimanere senza fiato!) per la montagna, fino a raggiungere le rovine. Lo spettacolo è davvero affascinante! Vi sono prati verdi, rocce di ardesia e di basalto che si interrompono nel mare. Ci piace pensare che la leggenda sia la vera realtà e che Artù sia davvero vissuto lì anche se per gli storici non può essere così. Tintagel è la più accreditata CAMELOT. Sicuramente è un posto magico! Sotto la montagna del castello vi è la grotta di Merlino, dove si narra che il Mago strappò dalle acque il piccolo Artù.

Dopo un pic-nic in quel che rimaneva di una sala del castello, osservato e girato su e giù per le rovine ci siamo diretti a Boscastle, un porticciolo carino in parte distrutto dall’alluvione del 2004.

Dimenticavo... a Tintagel abbiamo assaggiato il famosissimo “Cream Tea”... ovunque bar, pub, ristoranti, in Cornovaglia ovunque trovi l’insegna “Cream Tea”. Non si poteva tornare dalla Cornovaglia senza aver assaggiato il dolcissimo e gustosissimo Cream Tea fatto di da piccoli panini  cornovagliesi zuccherati, farciti di crema di panna (clotted cream) e marmellata di fragole e lamponi, accompagnato da thè e latte.

Ultima tappa della giornata: Exeter. L’abbiamo visitata di sera, High Street, la via principale era graziosa e piena di negozi. Anche la Cattedrale è graziosa, sviluppata in larghezza, in stile gotico. Abbiamo alloggiato per 25£ a testa al B&B "Pegasus Guest House” da Mrs Gale. Il signor Gale ha fatto la Guerra come paracadutista, ci sono diverse foto in casa che lo testimoniano.

 

 

8° Giorno (Exeter – Glastonbury – Welles – Bath)

10 Agosto 2006

A colazione Mrs Gale ci racconta che alla radio hanno detto che hanno arrestato dei terroristi che volevano far scoppiare alcuni aerei in partenza dagli aereoporti di Londra. La giornata inizia male e con un po’ di preoccupazione per la partenza. Ci dirigiamo a Glastonbury nel Somerset per visitare le rovine del suo Castello. Affascinante!!! Il costo è di 4,2£ per gli adulti, 3,2£ per gli studenti. La leggenda vuole che lì siano stati trovate le tombe di Re Artù e Ginevra. Glastonbury è un paesino piuttosto originale, un po’ new age, gente hippy, negozi esoterici, profumi d’incenso, negozi di abiti in stile “figli dei fiori”. Ci siamo poi spostati a Welles, graziosissima la sua cattedrale, la più bella che abbia mai visto. Le navate a forbice sono famosissime, ricordo ancora le immagini sui libri di scuola. Un giro per il centro e rotta per Bath. La città famosa per la Cattedrale e le terme romane, era invasa di turisti, trovare un B&B sembrava impossibile, così abbiamo chiesto aiuto per la prima volta al Tourist Information che ce ne ha trovato uno, “The Belmont”, vicino al centro per 34£ a testa, molto grazioso, ma caro!

 

9° Giorno (Bath- Avenbury – Windsor – Worlplesdon)

11 Agosto 2006

Partenza per Avenbury, un sito megalitico più antico di Stonehenge. Ci sono dei megaliti possenti, in fila lungo i campi. Sembra impossibile che qualcuno li abbia portati lì con la sola forza umana. Misterioso! Abbiamo poi visitato lo Shop lì vicino, nel quale una signora ci ha fatto vedere fotografie di circle crops, uno trovato la domenica passata a Swindon. Siamo andati alla ricerca, ma non conoscendo la zona abbiamo gettato la spugna dopo aver girato un po’ a vuoto. Ci siamo poi diretti a Windsor, dove vi è il Castello dei Castelli...magnifico (l’ingresso costa 13,5£). E’ la residenza ufficiale della regina. Anche la cittadina di Windsor è graziosissima, ben curata, piena di aiuole fiorite, davvero carina! Ultima tappa della giornata Worlplesdon, un paesino minuscolo vicino a Gatwick, dove il girono seguente avremmo dovuto lasciare l’auto per poi concludere la vacanza a Londra.  Siamo stati ospitati dal B&B del White Lyon Pub, un posticino pulito con bagno condiviso. Tostapane, bollitore e frigo in camera pieno di ogni ben di dio (yogurt, pane, formaggio, marmellate, latte, corn flackes...). Costo 25£ a testa. La cosa divertente è che Al ha messo nel tostapane dei toast, se li è dimenticati, si sono strinati, è uscito del fumo ed è suonato l’allarme antincendio... si sono precipitate le proprietarie in camera, che quando hanno constatato la gaffe di Al hanno semplicemente riso chiedendoci se volevamo degli altri toast :-)

Nel pub sotto alle camere suonava un gruppo “Lost Roberts” e la sua band, così abbiamo passato la serata a bere qualcosa in compagnia di buona musica.

 

10°-11°-12° Giorno (Londra)

12-13-14 Agosto 2006

Dopo aver salutato la mitica Golf che ci ha accompagnato per ben 1840 Km. ci siamo diretti a Londra. London l’abbiamo visitata già diverse volte per cui questi due giorni li abbiamo dedicati per vedere qualcosa che non avevamo mai visto e semplicemente per rilassarci  nella capitale inglese. Giretto per Picadilly Circus, LillyWhite, Trocadero, Regent Street, Cabarnaby Street, Harrods (dove abbiamo assaggiato cibi etnici e lucidato gli occhi con tutto quel ben di dio... il paese dei balocchi!), Notthing Hill e Portobello Road alla ricerca delle location del film con Julia Roberts e Hugh Grent (siamo passati davanti al negozio di libri di viaggi di Hugh!). Da veri italiani che non lasciano mai le proprie origini a casa, abbiamo provato gli arancini e le pizzette all’”Arancina” di  Portobello Road... deliziosi! L’ultima mattina prima di ripartire abbiamo visitato Westmister, che nonostante fossimo venuti già più volte a Londra, non eravamo mai riusciti a visitare. Qui sono conservate le tombe dei regnanti inglesi e lapidi alla memoria di letterati e poeti che resero celebre la Gran Bretagna.

 

 

Spese per B&B

Canterbury

B&B Alicante

Gestito da Jo e Dave Sciscluna

4 Roper Road, Canterbury

Tel. 01227 766277

 

50£ la doppia con bagno in camera

www.alicanteguesthouse.co.uk

djscicluna@aol.com

 

Brighton

Hotel Keehan’s

Regency Square, Brighton

(facing West Pier)

Tel. 01273 327879

60£ la doppia senza bagno in camera

 

Yeovil

Mermaid Hotel

2 High Street Yovil

Tel . 01935 4231151

50£ la doppia con bagno in camera

 

Polperro

B&B Fernhill

Tel. 01503 272491

 

 

B&B Natal House

Tel. 01503 272491

40£ la doppia senza bagno in camera

 

60£ la doppia con bagno in camera

www.polperro.fslife.co.uk

don@polperro.fslife.co.uk

 

Penzace

B&B Dock Inn Pub

17 Quay Street, Penzace

tel. 01736 365315

50£ la doppia con bagno in camera

 

St. Ives

B&B (non aveva un biglietto da visita)

50£ la doppia senza bagno in camera

 

Exeter

B&B Pegasus

Gestito da Mrs Margharet Gale

394 Pinhoe Road, Exeter

tel. 01392 467204

50£ la doppia con bagno in camera

 

Bath

B&B The Belmont

7 Lansdown Road, Bath

tel. 01225 423082

65£ (prezzo con tourist information)  la doppia con bagno in camera

da 35 a 60£

www.belmontbath.co.uk

archie_watson@hotmail.com

 

 

Worlplesdon

B&B White Lyon Pub

Tel. 01483 232417

50£ la doppia senza bagno in camera

 

I PROTAGONISTI

MASCIA E AL    mascialenzi@alice.it

 

 

 

Home ] AFRICA ] AMERICA ] ASIA ] EUROPA ] OCEANIA ]

Statistiche sito,contatore visite, counter web invisibile