Libia, l'ultimo vero deserto

di Adalberto Buzzin

 

...............certo che in R4 era un altro andare, pi faticoso, pi romantico, ma per non perdere il polso, ho affrontato i 2000 km di deserto libico con una vecchia land rover 90 del 1986............totale km andata e ritorno 6000 circa, traghetto da Genova e sbarco a Tunisi, dopo 856 km sono a Tripoli.

 

Libia tuareg.JPG (99887 byte)

 

alla frontiera dopo un immenso poster di Gheddafi, per legge, c' il poliziotto e la guida tuareg, non cambierei quest'ultimo con gps e bussola, per nessuna ragione al mondo, ci aiutano nelle varie prassi burocratiche, 2 ore ed tutto a posto anche con la targa araba, messa in bella evidenza.

 

Libia jeep.JPG (111334 byte)

 

La gente tranquilla, ospitale e sorridente, forse noi occidentali abbiamo perso un p di voglia di vivere..........., 2 esempi, ma ce n'e' sarebbero tanti: fotografo una casa e siamo tutti invitati dentro a mangiare e bere, una foto fatta in un negozio di verdura e la ns merce gratis, fotografo un signore che fuma il narghil e il ns conto gi pagato............, rompo la crociera della land, fortuna vuole non nel deserto ma vicino ad un'officina meccanica.... il pezzo manca, non c' problema, uno di loro ritorna a Tripoli, 250 km per andare e 250 km per ritornare, la mattina dopo la land ok, spesa 25 dinari in euro sarebbero 18,00!!!!!!!, con le due crociere nuove.

 

Libia bivacco.JPG (72106 byte)

 

Tasto il polso degli eventi iracheni, tutti si dimostrano spontanei nel dire: LA GUERRA BRUTTA, non c' colore o religione, solo concretezza nella risposta.

 

Libia tuareg blu.JPG (41679 byte)

 

Con 6/8 euro faccio circa 100 litri di diesel, una benedizione, peccato che il serbatoio sia di 50 litri e le taniche da 20.

 

Libia jeep deserto.JPG (55748 byte)

 

Da Tripoli, si scende per 1500 km su asfalto, le temperature salgono man mano che si scende, poi di colpo si svolta a destra e dopo un paio di km il nulla, solo dune, sassi, montagne rocciose e la pista che non ti abbandona mai. sono gg. stupendi, panoramiche mozzafiato, pitture rupestri, laghi salati in pieno Sahara, dove ci tuffiamo e ci rilassiamo dopo ore e ore di guida, le medie sono basse, 12 ore per 200 km, ma il deserto questo, una mossa azzardata, un'accelerata fatta male, una duna presa di traverso, una frenata improvvisa e tutto finisce.

 

Libia dune.JPG (24128 byte)

 

poi arriva la sera, il tuareg ferma la sua potente toyota, 4000 benzina del 1973, accende il fuoco, prepara il t e fa il pane in pieno deserto, dopo 30 minuti tutto pronto; la pace e l'armonia che regna fantastica, il deserto in pochi minuti si spegne, il sole che ti ha tormentato per tutto il giorno lascia il posto alla notte, tutto tace, tutto sembra pi fresco, l'acqua calda che bevi, ormai, sembra fresca, il pane appena sfornato ti rid l'energia persa, il t caldo tra le mani e ascolto le avventure di questo tuareg, senza confine, dorme all'aperto, perch una casa, una tenda, un tetto insomma sopra la testa lo rende prigioniero, deve guardare le stelle; mi racconta di una pista micidiale: da Sheba, in libia, ad Agadez, in Niger, 1860 km di sabbia, nessun pozzo, nessuna assistenza, una pista della morte dove i clandestini cercano di attraversarla, il 90% non riesce nell'impresa: rottura del mezzo, finisce la benzina o l'acqua, quindi morte sicura a meno che non sia qualche altro disperato che passi proprio in quel momento e voglia dare una mano............chiedo se possibile farla, mi spiega che lui la farebbe solo con un camion nuovo, tanta acqua e il doppio di benzina che realmente serve.

giusto. durante l'attraversamentoi delle dune, la mia land consumava pi del doppio, con 50 litri, circa 200 km.................non facile, per bello.

 

Libia palmeto.JPG (143521 byte)

 

posti  visitati: Tripoli, un enorme suk ( mercato) citt caotica, Sebha, Germa, Murzuk, oasi stupende, Alwinat, dove si fanno rifornimenti, il deserto dell'Akakus dove le temperature erano sui 51, Ghadames un 'oasi stupenda dove si visita la cittadella vecchia, ormai abbandonata ma patrimonio mondiale, Nalut cittadina fortificata, Gheriat, crocevia per il nord, sud, est e ovest, un benzinaio, una casetta per dormire per terra un piccolo ristorante che offre carne di dromedario e kus-kus, basta e avanza.

 

Libia ombra deserto.JPG (72878 byte)

 

durante il viaggio stato distribuito l'adesivo e il gagliardetto della regione Friuli, il vino della pace per ovvi motivi rimasto a casa..,.......  sono state testate le macchine che affronteranno la Yakuzia in invernale, Siberia estrema solo che le temperature saranno di -50................... speriamo bene.

 

Libia fumatore.JPG (93304 byte)

 

Adalberto   adalbertobuzzin@tin.it

 

http://www.erre4clan.it/avventura01.htm

 

.........se la vita un viaggio, viaggiare vivere due volte!!!!!!!!!!!!!

 

 

Home ] AFRICA ] AMERICA ] ASIA ] EUROPA ] OCEANIA ]