SAYULITA

NAYARIT - MEXICO

 

Sayulita e’ un piccolo paese, dello stato di Nayarit. Sulla costa del Pacifico.

E’ ubicato a Nord della Baja Banderas e di Puerto Vallarta. Dista circa un’ora di autobús dall’omonimo aeroporto internzazionale.

Da su una piccola e romántica baia, circondato dalla jungla che si immerge nell’oceano. Come tutta la costa che da qui risale a Nord.

 

Per Sapere e capire che e’ Sayulita non c’e’ di meglio della testimonianza di Patrizia Sasso!

Dal suo racconto di viaggio sulla “Costa centrale del Pacifico”, guida di Turisti per caso.

Pubblicato sul sito www.turistipercaso.it

..........Dopo tre giorni è tempo di scendere più a sud lungo la costa, la nostra destinazione è Sayulita. La strada è bella e tre ore passano veloci; il pullman ci lascia all’incrocio con la statale, così ci incamminiamo trascinando le valigie e sperando che il paese sia vicino. Dopo poco per fortuna si ferma un pick-up e una coppia di ragazzi ci offre un passaggio. Lui è messicano e lei americana e presto scopriremo che sono l’immagine perfetta di questo posto: giovane, internazionale, amichevole e un po’ alternativo-chic. E, dimenticavo di aggiungere, bello! Sayulita era un piccolo villaggio quando all’inizio degli anni ‘90 venne scoperto dalla tribù dei surfisti americani,sempre in cerca di buone onde, che possibilmente si infrangessero sulle rive di paesi pittoreschi dove le vacanze fossero anche economiche

 Da allora è cambiata lentamente, sono comparsi i primi alberghi (piccoli, per fortuna) e le ville. Molti americani hanno acquistato terreni e case, e i prezzi naturalmente hanno preso il volo. Ma per ora, nonostante un po’ di negozi eleganti e qualche ristorante, rimane una spiaggia piacevole e tranquilla. Qui a Sayulita ci concediamo un albergo più caro di quanto avevamo previsto: dopo aver visto Villa Amor e la camera che la simpatica receptionist ci mostra, qualsiasi altra soluzione più economica viene accantonata. Non ho mai avuto una stanza, anzi una suite, così suggestiva e romantica. Basti dire che invece di quattro pareti intorno a noi ce ne sono solo tre, perché al posto dell’ultima c’è una sottile ringhiera per impedirci di cadere giù in mare, e una grande tenda bianca che possiamo tirare per proteggerci dal sole. Di protezione della privacy non c’è bisogno, perché davanti a noi c’è solo la baia e il cielo. Tutto contribuisce a rendere incantevole questo alloggio, talmente piacevole che decidiamo di sfruttarlo al massimo e usare la cucina per prepararci colazione e cena. Così passiamo tre pigre giornate a rosolarci al sole, a giocare con i cani di un gruppetto di ragazzi messicani che fanno gli istruttori di surf (ce n’è uno che è bravissimo ad andare sulla tavola insieme al padrone) e gironzolare nel paesino. Faccio la spesa in un piccolo supermercato e preparo cene italo-messicane a base di spaghetti e uevos rancheros e la notte dormiamo con un leggero piumino che ci protegge dal fresco che entra a riempire la stanza tra mormorii di onde.
Sayulita ci ha catturato, ed è con rimpianto che la lasciamo. In poco più di un’ora di bus e poche decine di chilometri passiamo da un mondo ad un altro, dalla tranquillità chic-alternativa-new age di Sayulita al caos vetero consumista di Puerto Vallarta. Vallarta non è una città ma tre, tutte intorno ad un’ampia baia: Nuevo Vallarta, quartiere satellite residenziale, la Zona Hotelera, sfilata di immensi e anonimi alberghi di tutte le grandi catene, dallo Hyatt all’Holiday Inn, affacciati ognuno su un suo tratto di spiaggia. Infine c’è Viejo Vallarta, in basso, sul lungomare, condomini bianchi e altissimi anni ‘60 e, man mano che si sale su, sulle colline che racchiudono la baia, stradine con candide costruzioni basse e gradevoli. In questa zona c’è ancora un po’ dell’atmosfera della prima ondata turistica, quando tra il ‘50 e il ‘60 arrivarono i ricchi messicani a costruire case di villeggiatura e i divi di Hollywood a girare film e comprare grandi ville.

 

........ non so decidere se rimpiangerò più Sayulita o Barra de Navidad nelle fredde giornate dell’inverno romano.....

 

Per ulteriori e piu’ complete informazioni e’ consultabile il sito web ufficiale  www.sayulitalife.com

 

Avviso ai viaggiatori:

E’ un luogo che rapisce!

Ci si arriva per visitarlo e starci un paio i giorni, alcuni prolungano al piu’ possibile la permanenza, molti tornano, altri decidono, anche solo dopo due giorni, di tornarci a vivere e ci vivono!

 

 

Leonardo Dalla [cafe_trattoria_leonardo@yahoo.com]

mercoledì 22/06/2005 19.05

 

Caro Michele,

Sono a scriverti su suggerimento di Patrizia Sacco e Piero del forum sul Messico del sito turistipercaso.

Li ho conosciuti qui in Sayulita (Nayarit) a Nord di Porto Vallarta, ho visitato il tuo sito del viaggio del 2003, ma non ho letto nulla in merito.

Non desidero prenderti troppo tempo.

Io sono arrivato e mi son trasferito a vivere qui definitivamente a fine del 2003, e ho aperto un piccolo cafe trattoria sulla piazza, diciamo l’ultima posizione libera.

La passata stagione non e’ andata molto bene, un po per i lavori sulle calli, un po le mie carenze di liquidita’ e struttura, sopratutto e in particolare perche’ non ho incontrato valido personale che mi aiutasse a sviluppare l’attivita’. Questa zona, culuralmente e’ la piu’ arretrata del messico, in particolare manca la pur minima cultura del lavoro. Nello stesso tempo stanno piovendo miliardi di dollari per lo sviluppo turístico di questa costa, detta verde, che va da san Blas fino a Punta de Mita, che chiude la Bahia banderas.

Ora non posso permettermi di far passare anche la prossima da dicembre 2005 a aprile 2006 nella stessa situazione, per cui mi sto dando fare in altre zone del messico, ma ho pensato anche all’italia. Da quello che leggo in internet e cio’ che mi scrivono amici di li’, la situazione economica e in generale si sta avvitando sempre piu’ verso il peggio..e anche cambiasse, che non credo,ci vorrebbe una vera rivoluzione, ci vogliono almeno altri 10 anni per uscirne. Per questo sto diffondendo questa mia idea proposta, rivolta a giovani, che abbiano voglia di fare un’esperienza di vita e di lavoro in un mondo nuovo e diverso e guadagnarsi un po di soldi. Ti allego l’annuncio che ho preparato.

Ecco Patrizia mi suggerisce di chiedere di far girare sul tuo sito questa opportunita’, io ho pensato a qualche giovane...si puo’ extenderé anche ad altre eta’, magari una 40enneJ Io sono solo al mondo per cui ben venga una compagna di vita e di venturaJ

Un grande grazie per l’attenzione e un cordialíssimo saluto

Leonardo

 

P.s. Per ulteriori informazioni su Sayulita puoi visitare www.sayulitalife.com dove nei link dei ristoranti puoi vedere anche la mia pubblicita’.

 

“Leonardo”

Cafe Trattoria

Autentica Cucina Italiana

Nayarit – Messico

 

Situata in un ameno paesino sulla costa del Pacifico

Turismo internazionale in rapida crescita e sviluppo

 

Ricerca

Per la stagione Dicembre 2005 – Aprile 2006

 

Giovani e no per la mansione di:

Cuoco/a, aiuto cuoco/a,  barman, cameriere/a, hostess

Con voglia di fare esperienza e conoscenza di un mondo diverso

Disponibili di mettersi alla prova guadagnando del denaro

 

Si richiede

“Serieta’, senso di responsabilita’ e dedizione al lavoro”

Per le figure di barman, cameriere/a e hostess:

Presenza, innate doti di comunicativita’ e simpatia

Buona conoscenza della lingua Inglese

Preferenza per una precedente esperienza e anche lo Spagnolo

 

Si offre

Ambiente incontaminato, giovane e stimolante

 Interessante esperienza di vita e lavoro

Vitto, alloggio, fisso piu’ mance

 

Per ulteriori informazioni

 Invio di curriculum vitae con allegata foto

indirizzare a: cafe_trattoria_leonardo@yahoo.com