Malaysia

"Viaggiare tre volte nel sud est asiatico"

Diario di viaggio 29-07-2011  /  30-08-2011

di Michele Spiriticchio

 

 

Malesia 2011 1035.jpg (625880 byte)

 

Anche questo paese merita un viaggio perch bellissimo, un paese che pi passa il tempo e pi considero come un forte arricchimento personale...

Malesia 2011 862.jpg (2701302 byte)

 

Cambio: 1 = 4,2 ringgit (rm)

Guide usate: Malaysia, Singapore & Brunei, Lonely Planet - Edizione in inglese 2004 - Lonely Planet, edizione italiana del 2010. (Elisabetta sostiene che l'edizione che avevo io in inglese e vecchia di 7 anni fosse migliore...)

 

Malesia 2011 1009.jpg (2193122 byte)    Malesia 2011 1006.jpg (2802101 byte)    Malesia 2011 1004.jpg (2561565 byte)    Malesia 2011 933.jpg (219499 byte)

 

Il viaggio coincide con il ramadan che quest'anno inizia l'1 agosto.

 

Vorrei specificare che il seguente diario stato scritto direttamente sul posto su uno smartphone per cui,

poche emozioni e troppo freddo purtroppo...

ma cercher di correggere tutto quanto presto e inserire i ricordi pi belli...i ricordi che sostengono ogni nuova partenza...

 

 

29 luglio

Parto da Milano Malpensa con volo Egypt Air, scalo a Il Cairo, poi altri due voli. il primo per Bangkok e il secondo per Kuala Lumpur. A il Cairo (che brutta dall'alto!) mi raggiunge Elisabetta arrivata al pelo da Roma.

   

30 luglio

A Bangkok giusto in tempo per correre al gate giusto, fare le carte di imbarco e ripartire di nuovo. Arriviamo verso le 18.00 in Malesia, l'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur modernissimo.

Dopo le veloci formalit doganali, cambiamo i primi euro con 'ringgit' malesi a 4 (il cambio ufficiale per sar di 4,20).

Dopo l'immigrazione acquistiamo il biglietto del Klia expres (35 mr) con cui arriveremo in centro citt al capolinea Sentral in circa 25 minuti. Cambiamo linea quindi con la Lrt (1mr) fino a  Pasar Seni. Siamo nella Chinatown dove ci sono guesthouse e hotel economici. Entriamo nell'hotel Lok Ann (70 mr), una camera grande con air con e bagno, pulita e tranquilla.

Passiamo la prima serata malese nel mercato cinese e cenando con zuppa e noodles.

Le prime impressioni sono buone, tanta influenza cinese ma anche tanta organizzazione e tecnologia...

   

31 luglio

A piedi arriviamo alla vicina stazione dei bus Puduraya. Per Penang (35) 5 ore e siamo nella stazione dei bus che per fuori citt. Prendiamo un bus cittadino (2) e scendiamo al Komtar, un grande centro commerciale.

Da qui a piedi per Chinatown troviamo l'hotel Kim Sun in Campbell Street. Economicissimo hotel forse dalla frequentazione ambigua, troviamo una camera a 26 ringgit (bagno in comune, ventola).

 

Malesia 2011 148.jpg (4407072 byte)

 

 

1 agosto

Visitiamo il Forte Cornwallis, interessante ma nulla di eclatante, poi visitiamo il museo di Penang spiegato bene e utile, infine andiamo alla casa di una famiglia cinese denominata Khoo Kongsi un tempo svolgeva da riferimento a chi apparteneva a quel clan.

 

Malesia 2011 191.jpg (4412290 byte)    Malesia 2011 189.jpg (3941123 byte)    Malesia 2011 186.jpg (4786150 byte)    Malesia 2011 182.jpg (4854562 byte)    Malesia 2011 159.jpg (3759965 byte)    Malesia 2011 180.jpg (4393889 byte)    Malesia 2011 174.jpg (4410338 byte)    Malesia 2011 162.jpg (3504138 byte)

 

Con il bus 201 (2 mr) andiamo al vicino Kek Lok Si Temple. Il grande tempio buddista su una collina con una grande pagoda. Tutto molto scenografico ma piacevole.

 

Michele Penang.JPG (5061240 byte)

 

Malesia 2011 217.jpg (4711223 byte)    Malesia 2011 218.jpg (3947166 byte)    Malesia 2011 214.jpg (4770773 byte)    Malesia 2011 213.jpg (3878210 byte)    Malesia 2011 212.jpg (4846611 byte)    Malesia 2011 209.jpg (4058395 byte)    Malesia 2011 205.jpg (4573388 byte)

 

 

2 agosto

Partiamo presto per Butterworth con il ferry (non si paga) che impiega dieci minuti circa.

Alla stazione dei bus compriamo il biglietto per Kota Bharu (35) delle 10.00.

Impieghiamo circa 5 ore di viaggio, in pratica si taglia orizzontalmente in due la Malesia giusto sotto la Thailandia. Il paesaggio verde rigoglioso, foreste e montagne...

Si arriva in centro alla stazione dei bus. Decidiamo di fermarci una notte, troviamo una cameretta economica (25) al Kb backpackers guesthouse Inn da non confondere con l'omonimo dall'altro lato della strada che invece lodge (indicato sulla lp...).

Giriamo un po' per il centro, piacevole, un grande mercato, alcuni musei, negozi di artigianato locale (compro una stoffa di batik...).

 

P1000463.JPG (4637205 byte)    P1000462.JPG (4412651 byte)    P1000461.JPG (4736594 byte)    P1000459.JPG (5125503 byte)

 

Mangiamo al mercato notturno subito dopo le 19.30 quando termina la giornata di digiuno "imposta" ai musulmani dal ramadan.

 

P1000478.JPG (5159555 byte)    P1000474.JPG (4850983 byte)    P1000472.JPG (4921585 byte)    P1000468.JPG (4820424 byte)

 

 

3 agosto

Bus 639 per Kuala Besut nella regione di Terengganu, 6 mr, porto dal quale partono le barche per le isole Perenthian.

Partenza alle 7.30 e arrivo alle 9 circa.

Per le Pherentian ci siamo organizzati cos, acquistato i biglietti del ferry andata e ritorno a 70 ringgit nella guesthouse di Kota Bharu dove siamo anche rimasti d'accordo per la riservazione per un paio di notti al D'Lagoon (70 mr ma con sconto 50), all'estremit nord di Pulau Kecil.

Al jetty prima di imbarcarci bisogna fate il biglietto di entrata nel parco marino (6 mr).

A tutta velocit con un potentissimo motoscafo in circa mezzora arriviamo alle Perenthian, si passa tra la grande (Besar) e la piccola (Kecil) sulla sinistra. Si vedono alcune casette dei piccoli resorts che non deturpano il paesaggio. Il D'Lagoon a Kecil tutto a nord, oltre a noi scende qui un'altra coppia italiana e due altri viaggiatori.

Sia noi che la coppia abbiamo una riservazione per una camera che 'stranamente' non risulta! Non ci resta che andare nel dormitorio per 20 ringgit ciascuno e dormire su un letto a castello senza bagno n rete anti zanzare che disponibile a noleggio. La piccola e stretta baia ha una spiaggetta ma tutto molto angusto. Non ci che mi aspettavo ma presto troveremo 2 belle spiagge di sabbia bianca. Turtle beach e Adam 'n Eve beach entrambe raggiungibili in pochi minuti seguendo un sentiero nella jungla.

Il sole forte anche se non ci si accorge non si scherza.

Decidiamo di andare a Long beach seguendo il sentiero, 45 minuti per poco pi di un km di strada fra jungla e una strada sterrata. Long Beach dove ci sono la maggior parte delle sistemazioni economiche i bar e ristoranti. Tanti turisti, locali di tendenza con musica e amache.

 

P1000503.JPG (5102391 byte)

 

Ceniamo con pesce alla griglia ma non soddisfatti prendiamo anche calamari frutti (conto di 64 mr).

Telefono ad alcune guesthouse su Besar per riservare una camera per domani trovando una soluzione al D'Ayumni House per ben 160 rm.

Il ritorno al D'Lagoon un po' avventuroso, tutto al buio e in circa 45 minuti con l'aiuto di una piccola torcia senza la quale il buio pesto della giungla ci avrebbe inghiottito...

 

P1000495.JPG (3853321 byte)

 

 

4 agosto

Decidiamo di lasciare il D'Lagoon per provare Pulau Besar. Con un taxi boat il cui costo di 20 rm invece dei 15 indicati...

In pochi minuti arriviamo al D'Ayumni un po' arretrato rispetto al Tuna Bay ed altri resorts. La nostra camera ha l'aria condizionata ma il ventilatore non funziona. Il bagno ha la doccia e scaldabagno.

Esploriamo un po' l'isola seguendo il litorale e dei 'jungle trail' abbastanza facili.

Verso sud dopo alcuni chalets (Abdul, ecc.) e un breve tratto di giungla arriviamo alla splendida 'love beach' solitaria e deserta, l'acqua ha un colore acquamarina, la sabbia ricchissima...

 

P1000492.JPG (4856766 byte)    P1000487.JPG (4812957 byte)

 

Continuando nella passeggiata attraversiamo il tratto pi impegnativo di giungla, l'umidit altissima e si fatica un po'.

Raggiungiamo quindi Teluk Dalam o baia dei fiori, una bella e ampia spiaggia dove d'obbligo una bella nuotata in un mare caldo e trasparente.

Ci sono diverse sistemazioni a me in particolare piaciuta la Fauna Beach chalet (abbiamo chiesto, un bungalow costa 55 rm).

 

Malesia 2011 228.jpg (3316675 byte)    Malesia 2011 226.jpg (4834029 byte)

 

 

5 agosto

Partenza! Si torna a Kuala Besut. Acquistiamo da un'agenzia al molo il biglietto per il minibus che va nel Taman Negara, a Kuala Tahan per 55 rm. Si parte alle 10.

Il viaggio dura pi di quanto pensassi, una sosta per pranzo, infine dopo Kuala Lipis e Jerantut arriviamo a Kampung Kuala Tahan

Dopo alcune respinte per 'tutto pieno' (Durian, ecc) troviamo una camera senza infamia e senza lode al Dakili hostel/camp per 40 rm con ventilatore e bagno in comune. Si trova lungo il fiume sopra la collinetta tutto a sinistra guardando verso il parco.

L'entrata del parco si trova al di l del fiume (sungai) e il permesso si chiede proprio nel resort Mutiara a partire dalle 8 fino alle 18.

 

Malesia 2011 238.jpg (4808651 byte)    Malesia 2011 312.jpg (4870064 byte)    Malesia 2011 311.jpg (4849144 byte)    Taman Negara in attesa.JPG (4832821 byte)    Lancia.JPG (4985749 byte)

 

Ceniamo molto bene nel ristorante "family" sul fiume. Piatti sostanziosi ed economici.

   

6 agosto

Giornata dedicata al parco.

Per prima cosa ci s deve registrare all'entrata dell'hotel resort Mutiara.

L'entrata costa 1 rm mentre per usare la macchina fotografica si pagano altri 5 rm (per la videocamera 10 rm).

Ci sono diversi sentieri nella giungla che si spingono nella fitta vegetazione.

 

mappa Taman Negara.JPG (3628988 byte)

 

Scegliamo di seguire quello per Lata Berkoh, delle cascate. Il tempo di percorrenza di 4,5 ore per 8,5 km di strada.

 

Noi siamo pronti, preparato un solo zaino con acqua, repellente anti zanzare e qualche biscotto da mangiare.

Fortunatamente si cammina sull'asciutto, non c' fango ma mi immagino come potrebbe essere qui durante la stagione delle piogge...

Inizialmente il sentiero ben visibile, poi via via che si prosegue diventa pi selvaggio e stretto, in certi casi da interpretare un po'. Con noi cammina anche Antony, un ragazzo francese solo e in viaggio da pochi mesi...

Il suono della giungla fatto di fischi alternati a cinguettii, trilli, suoni spesso strani e che provengono da lontano dalla cima degli alberi che sono uno spettacolo.

 

Malesia 2011 287.jpg (4510313 byte)    Malesia 2011 259.jpg (5022597 byte)    Malesia 2011 252.jpg (4615130 byte)    Malesia 2011 248.jpg (4998744 byte)    Malesia 2011 244.jpg (4766950 byte)    Malesia 2011 241.jpg (4410837 byte)    radici.JPG (4189090 byte)

 

P1000546.JPG (4022804 byte)    Malesia 2011 240.jpg (3760213 byte)    P1000573.JPG (4105219 byte)    P1000544.JPG (4150781 byte)

 

L'umidit altissima, si suda ma non ho particolarmente sete. Compaiono le prime sanguisughe! Piccoli vermicelli che ti si appiccicano alle scarpe e alle calze e iniziano a cercare la pelle dove 'aspirano' sangue. Non c' dolore ma fastidio e compaiono ferite e piccole emorragie che fanno fatica a terminare.

Si arriva al 'crossing point', punto dove dovremo guadare il fiume. Fiume che rosso come la coca cola o il th. Nel punto pi profondo l'acqua arriva poco sopra le ginocchia.

 

Malesia 2011 263.jpg (4822083 byte)    P1000557.JPG (5342690 byte)

 

Continuiamo ancora ma ormai manca poco alle cascate.

In realt non una vera e propria cascata ma piccoli salti sul corso del fiume. Nel punto pi profondo ci si tuffa meravigliosamente in quest'acqua fresca e trasparente (sembra di fare il bagno nel th).

Ci voleva proprio una pausa come questa, dopo la camminata un bel bagno e un po' di sole...

 

Malesia 2011 267.jpg (4581211 byte)    P1000562.JPG (4843813 byte)    Malesia 2011 265.jpg (4736256 byte)    Malesia 2011 280.jpg (5039952 byte)

 

Nel frattempo arrivano altri turisti con l'escursione organizzata.

Noi ricominciamo la camminata per il ritorno. Arriveremo dopo le 8 di sera stanchi ma soddisfatti per la bella giornata tutta trascorsa nella giungla del Taman Negara.

A questo punto ci sta pi che bene questo commento : "CHE MAZZATA !! "

   

7 agosto

Dopo colazione entriamo nuovamente nel parco, ci attende la 'canopy walking' cio la camminata sul ponte sospeso pi alto del mondo.

Una volta entrati nel parco si segue il sentiero ben segnalato nella giungla. In circa un'oretta si giunge al punto di partenza dove c' gi diversa gente che aspetta. I gruppi organizzati e i turisti fai da te fanno due code distinte; i primi hanno la precedenza sui secondi. Per passare sul ponte si paga un biglietto di 5 rm.

Il ponte sospeso alto sulla giungla, tutto di corda e una passerella rigida. Bellissimo stare cos alti.

 

Canopy walking.JPG (3757751 byte)    

 

Alle 15 c'  il bus per Jerantut 7 rm, poi bus per Temerloh 5,7 rm. Da Temerloh decidiamo di continuare per Kuantan perch vorremmo andare nuovamente al mare, forse a Cheratin e Tioman.

Partiamo alle 20.30 e l'arrivo non sar prima delle 23.

tardi ma tanta gente anima bar e ristoranti, cerchiamo un hotel nei paraggi, il Makmur ha una camera, 39 ringgit ma solo per l'ora tarda che accettiamo. Camera sporca con lenzuola e materasso consumati, bagni luridi in comune.

 

 

8 agosto

Dopo avere pensato bene l'itinerario giusto da fare, cambiamo programma e scegliamo di andare a Melaka.

Dovrebbe diventare pi scorrevole il viaggio successivamente visto che il 13 abbiamo il volo per Kuching nel Sarawak (Borneo) da Johor Bharu, mentre per Tioman avremo un paio di giorni.

Nulla di predefinito e studiato ma un viaggio spesso improvvisato tenendo alcuni riferimenti pi importanti.

Dalla stazione dei bus altro bus, 24,70 rm per Melaka.

Arriviamo a Melaka verso le 13.30. La stazione dei bus o terminal sentral grande con un centro commerciale importante. Approfitto anche per cambiare euro e prendendo nota dei bus per Mersing, ce ne sono solo tre, alle 8, 12.45 e alle 18.

Con un bus cittadino raggiungiamo il centro (1 rm).

subito evidente il carattere di questa citt, patrimonio dell'Unesco, chiamata anche Melacca o Malacca.

Scendiamo nel punto pi turistico, alla torre dell'orologio. torniamo indietro fino a imboccare jl Bukit China in cui si trova la Esterne Heritage Guesthouse. Questa guesthouse in una casa coloniale del 1918. La camera costa 28 rm (con ventilatore e bagno in comune) ampia e con un soffitto alto. La zona tranquilla e la casa magnifica.

 

Malesia 2011 313.jpg (4244466 byte)

 

Visitiamo i monumenti storici, Lo Stadthuys, municipio e residenza del governatore, che ospita i musei etnografico e storico.

La chiesa di San Paolo (anche se il nome dato dai fondatori portoghesi era di Nossa Seora).

Melaka ha un passato molto vario, fu colonizzata inizialmente dai portoghesi poi ci furono gli olandesi, successivamente pass in mano agli inglesi. Lo stretto di Malacca che divide la Malesia da Sumatra era un passaggio importante per i commerci tra le isole e il sud est asiatico.

 

Malesia 2011 354.jpg (4292477 byte)    Malesia 2011 348.jpg (4565111 byte)    Malesia 2011 347.jpg (3942411 byte)    Malesia 2011 344.jpg (4781595 byte)    Malesia 2011 340.jpg (4589128 byte)    P1000665.JPG (4787119 byte)    P1000667.JPG (4767300 byte)

Malesia 2011 339.jpg (4416091 byte)    Malesia 2011 336.jpg (4688705 byte)    Malesia 2011 329.jpg (4486394 byte)    Malesia 2011 320.jpg (4108326 byte)    Malesia 2011 318.jpg (3937038 byte)

 

 

9 agosto

Prima colazione in un posto indiano, idli e chapati, poi in giro per visita della Villa Sentosa, una tipica casa malese che possibile visitare lasciando un'offerta libera. Questa casa si raggiunge facilmente a piedi. Nel 'Kampung Morten' un quartiere con diverse case tipiche molto bene i cui giardini spesso sono abbelliti da fiori e piante tropicali e in certi casi da miniature in legno delle stesse case.

 

Malesia 2011 380.jpg (4238802 byte)    Malesia 2011 375.jpg (4816393 byte)    Malesia 2011 373.jpg (4295857 byte)    Malesia 2011 370.jpg (4566540 byte)    Malesia 2011 366.jpg (4530948 byte)    Malesia 2011 363.jpg (4386894 byte)    Malesia 2011 360.jpg (4279594 byte)    Malesia 2011 359.jpg (4967421 byte)    Malesia 2011 355.jpg (5103488 byte)

 

A Chinatown visitiamo il Cheng Boom Ten Temple, un grande e bel tempio cinese.

Nelle vie di Chinatown ci sono turisti e le attivit commerciali sono costituite principalmente da ristoranti, negozi di artigianato, piccoli supermarket con specialit tipiche.

Non si pu fare a meno di assaggiare il 'cendol' una specie di granita con latte di cocco e sciroppo di palma, mais, fagioli rossi e dei fili verdi una verdura marina.

Assaggio anche il laksa, una zuppa con latte di cocco.

Bus per Mersing 22,80 rm alle 18.15.

Arriviamo a Mersing alle 23, s piedi dalla stazione dei bus seguendo la cartina della citt, molto facile, andiamo all' hotel Merkeka. Prendiamo una camera dignitosa per 30 rm con bagno e doccia, ventola.

   

10 agosto

Sveglia alle 7 visto che la partenza del primo traghetto prevista o presunta dal tipo dell'hotel (molto gentile in verit anche se un po' strano) per le 8.

A piedi si raggiunge in pochi minuti il 'jetty' da dove ci si imbarca per Tioman. Ci sono altri viaggiatori che aspettano. Compriamo i biglietti andata e ritorno per 70 rm, poi biglietto di entrata al parco marino (5 rm).

Alle 8.05 partiamo. Il traghetto 'frigorifero' per l'uso indiscriminato dell'aria condizionata in 1,5 ore arriva a Tioman. La prima fermata Gentin, successivamente Paya, Tekek, Air Batang (ABC), dove scendiamo noi e sono le 10, infine Salang.

Scendiamo dal molo e andiamo a destra verso sud. Troviamo un chalet al YP chalets. 40 rm con zanzariera e bagno-doccia a due passi dalla spiaggetta che in questo punto ha delle mangrovie.

 

Malesia 2011 416.jpg (5009277 byte)    Malesia 2011 415.jpg (5110895 byte)    Malesia 2011 414.jpg (3257250 byte)    Malesia 2011 412.jpg (4841300 byte)    P1000797.JPG (4864406 byte)    P1000772.JPG (4539254 byte)    P1000763.JPG (4017216 byte)

 

Facciamo colazione poco distante al Nazri's Place. Questo locale turistico ha anche dei chalets credo con prezzi superiori.

Abituati ormai alle camminate iniziamo subito con un altro trekking, in ciabatte questa volta. Verso nord per Monkey beach un sentiero tutto nella giungla. In 2 orette si arriva facilmente prima alla spiaggia, poi altri 15' ancora e si arriva a Monkey Bay.

 

Malesia 2011 470.jpg (4490796 byte)    Malesia 2011 469.jpg (5026681 byte)    Malesia 2011 468.jpg (5015573 byte)    P1000790.JPG (4982489 byte)    Malesia 2011 460.jpg (4678899 byte)

 

Malesia 2011 448.jpg (3754835 byte)    Malesia 2011 447.jpg (4251220 byte)    Malesia 2011 445.jpg (5080219 byte)    Malesia 2011 439.jpg (5001686 byte)    P1000782.JPG (5145244 byte)

 

Ceniamo al Mawar con squid all'aglio e pesce samba, poi noodles e verdura e verdura mista saltata in padella; con il bere il conto arriva a poco meno di 30 rm.

 

Tioman beach.jpg (4593416 byte)    Malesia 2011 579.jpg (4761452 byte)    Malesia 2011 578.jpg (4991839 byte)    Malesia 2011 571.jpg (4891575 byte)    Malesia 2011 568.jpg (3647418 byte)    Malesia 2011 567.jpg (4572169 byte)    Malesia 2011 565.jpg (4253304 byte)

 

 

11 agosto

Anche oggi per non smentirci abbiamo in programma una bella sfacchinata. Sfacchinata perch andare fino a Juara a piedi significa camminare per almeno 7-8 km e gli stessi per il ritorno.

A causa del ramadan per la colazione difficile trovare un posto aperto. Iniziamo la giornata cos: speriamo in una colazione a Tekek che dobbiamo raggiungere per prendere il sentiero per Juara.

Ci rassegnamo e alla fine mangiucchiamo qualche snack preso al centro "tax free" di Tekek.

 

Malesia 2011 557.jpg (4978610 byte)

 

La camminata per Juara difficile, l'inizio spacca gambe con questa umidit!

Poi, piano piano perch meglio non avere fretta e prendersi tutto il tempo che si vuole, diventa una passeggiata sempre immersi nella giungla che davvero fantastica. 

Riusciamo anche a scorgere delle scimmie che si tradiscono facendo dei rumori in alto sugli alberi intenti a cercare cibo...

 

Malesia 2011 555.jpg (4991915 byte)    Malesia 2011 552.jpg (3872633 byte)    Malesia 2011 550.jpg (4811188 byte)    Malesia 2011 549.jpg (4352967 byte)    Malesia 2011 543.jpg (4942575 byte)    Malesia 2011 541.jpg (4571539 byte)    Malesia 2011 539.jpg (4823878 byte)    Malesia 2011 535.jpg (5099971 byte)    Malesia 2011 519.jpg (4902937 byte)

 

Malesia 2011 490.jpg (4832873 byte)

 

Quando si quasi sulla strada principale, subito dopo e prima di una casa bianca c' un sentiero sulla destra che porta a una piccola cascata.

D'obbligo un bagno ritempratore!

 

P1000821.JPG (5111885 byte)

 

A Juara ci arriviamo subito dopo e con un passaggio auto che ci viene offerto da una coppia italiana in viaggio in Malesia.

Juara un villaggio sonnolento e con una magnifica e ampia spiaggia.

 

Malesia 2011 513.jpg (4573478 byte)    Malesia 2011 512.jpg (4607500 byte)    Malesia 2011 510.jpg (4776314 byte)    P1000825.JPG (4831619 byte)

 

 

12 agosto

Alle 9.30 lasciamo Tioman, il primo traghetto passato alle 7 mentre noi, che da Mersing proseguiremo per Johor Bahru, scegliamo il successivo delle 9.30 avendo saputo che da Mersing ci sono diversi bus per Johor. Prima di imbarcarci ci registriamo su un foglio. Il traghetto della 'blue water' passa un po' in ritardo, fortunatamente riusciamo a sederci su quei pochi posti all'aperto (l'aria condizionata all'interno non la sopporto pi).

Come all'andata ma in senso contrario ci si ferma a Tekek, Berjaya, Paya e Genting prima di Mersing.

Arriviamo alle 12.20, acquistiamo subito da un'agenzia privata il biglietto dell'autobus per Johor Bharu (11,7 rm) delle 13.

molto facile viaggiare in Malesia. Molto bene organizzati con corrispondenze e coincidenze.

Altre due orette e si arriva nella capitale dello stato di Johor giusto la punta all'estremo sud della penisola malese e appena prima di Singapore che sull'isola di fronte.

Il bus termina la sua corsa al terminal Sentral a circa 5 km dal centro. Saliamo su un bus locale (1,7 rm) che ci porter a City Square. Facciamo un po' fatica a orientarci all'uscita attraversando un mega centro shopping a pi piani ma alla fine siamo in strada, jln Wong Ah Fook. Appena pi a sud entriamo sulla sinistra in una via dove troviamo l'hotel Le Tian. La camera doppia costa 60 rm ben spesi, c' anche l'aria condizionata (che noi odiano) e la ventola. Buon albergo.

Johor non offre molto, vicino che un tempio hinduista incastonato tra moderni palazzi, grattacieli, centri commerciali, shopping center di cui vanno matti i giovani (e benestanti?) malesi.

Poco distante Singapore, citt moderna e pulitissima dalle rigide norme civiche.

   

 

13 agosto

Abbiamo il volo della 'Firefly' alle 13.05 (prenotato un mese prima su internet per 85 rm circa).

 

Malesia 2011 591.jpg (3689878 byte)    Malesia 2011 592.jpg (4411290 byte)

 

Arriviamo a Kuching alle 14.30, formalit di ingresso con timbro all'immigrazione del Sarawak.

Siamo nel Borneo!

La Malaysia comprende anche due stati sull'isola del Borneo, il Sarawak e il Sarah. Il Sarawak a nord ovest e la capitale Kuching.

Per la citt non ci sono autobus, il taxi costa 25 rm. Noi usciamo e seguendo la strada principale oltre il parcheggio e che porta a nord (destra) proviamo a cercare una fermata pensilina degli autobus. Alla fine, dopo una camminata primo tentativo autostop e immediato passaggio in furgoncino con tre ragazzi gentili che ci portano davanti all'ufficio del turismo. Purtroppo oggi che sabato questo ufficio chiuso.

Dopo alcuni rifiuti nel cercare di pernottare, accettiamo il b&b Nomad poco distante da altri hotel economici e da Carpenter street ( camera pulita con doccia e acqua calda, air con, free wi-fi a 70 rm; colazione 24 ore con frutta, toast, ecc.

Da stasera inizia il mercato della domenica. Seguiamo la mappa e in mezz'oretta siamo in mezzo a un grande mercato all'aperto. Frutti esotici, strani tuberi e radici, verdure e semi, l'area delle piante e orchidee, pesce, crostacei, carne, i tanti banchetti dove comprare cibo gi preparato da portare via, dolci, spiedini, e specialit gastronomiche. Poi l'artigianato, stoffe, teli, borse e souvenir...

 

Malesia 2011 606.jpg (4201152 byte)    Malesia 2011 605.jpg (4655911 byte)    Malesia 2011 604.jpg (4181152 byte)    Malesia 2011 600.jpg (4704359 byte)

 

Malesia 2011 595.jpg (3984047 byte)    Malesia 2011 601.jpg (4155354 byte)    Malesia 2011 598.jpg (4550968 byte)    Malesia 2011 597.jpg (4789803 byte)    Malesia 2011 596.jpg (4687832 byte)    Malesia 2011 594.jpg (4491280 byte)    Malesia 2011 593.jpg (4315315 byte)

 

P1000867.JPG (4723453 byte)    P1000877.JPG (5250088 byte)    P1000881.JPG (4651691 byte)    P1000876.JPG (4812302 byte)    P1000885.JPG (4906513 byte)

 

 

14 agosto

Ci alziamo ancora una volta presto ma non sufficientemente per prendere il primo bus delle 7.15 per Semenggok. Non ci resta che aspettare le 10.15 (il bus il K6 che si prende dalla fermata vicino l'open market; ci sono 4 bus ogni giorno, ogni 3 ore dalle 7.15, l'ultimo alle 16.15. Da Semenggoh per Kuching, 4 al giorno ogni 3 ore dalle 8.45. Costo 3 rm).

A Semenggoh ci andiamo grazie al suggerimento di un ragazzo italiano.

Dopo circa 20 km a sud, oltre l'aeroporto, per arrivare al Forestry Department in cui c' il Wildlife Rehabilitation Centre (3 rm).

Il bus ferma proprio alla biglietteria dopodich ci sono ancora 1,3 km di strada asfaltata superando dapprima dei giardino botanici non aperti al pubblico...

Quando arriviamo siamo subito cos fortunati nel trovare "Baka" che sta facendo man bassa alla piattaforma 1.

Uno spettacolo!! Emozionati per l'incontro fatto e fortunati che un Orang utan sia rimasto ancora sulla piattaforma dove a orari prestabiliti viene messo il cibo. Una forza della natura, una somiglianza all'uomo straordinaria.

Restiamo a bocca aperta tutto il tempo in cui Baka gioca con la frutta che divora senza tregua e intanto si lascia penzolare dalla corda messa apposta oppure dai rami pi in alto. Intanto notiamo i molti nidi che queste scimmie costruiscono ogni sera.

Torniamo indietro appagati e contenti.

 

Malesia 2011 614.jpg (5044603 byte)

 

Semenggoh, Michele.jpg (4901911 byte)    Malesia 2011 644.jpg (4230570 byte)    Malesia 2011 643.jpg (3846386 byte)    Malesia 2011 639.jpg (5075767 byte)    Malesia 2011 638.jpg (4559494 byte)    Malesia 2011 636.jpg (4278875 byte)    Malesia 2011 635.jpg (4085300 byte)

 

Malesia 2011 634.jpg (4509940 byte)    Malesia 2011 633.jpg (4382634 byte)    Malesia 2011 630.jpg (4521272 byte)    Malesia 2011 629.jpg (3989578 byte)    Malesia 2011 625.jpg (4057569 byte)    Malesia 2011 622.jpg (4565713 byte)    Malesia 2011 618.jpg (3888011 byte)

 

Sulla strada aspettiamo il bus anche se siamo in forte anticipo. Provo con l'autostop a recuperare un passaggio per Kuching e subito si ferma una macchina, la ragazza con un sorriso ci d il passaggio anche se alla fine accettiamo la sua proposta di andare alla spiaggia pi grande di Kuching, a Damai. Prima per bisogna andare a prendere il fidanzato...eh!

Passiamo un bel pomeriggio assieme a questa giovane coppia di chiare origini cinesi anche se loro si sentono malesi ma il malay Lo conoscono solo 'a little'...

   

15 agosto

Di nuovo tortura con sveglia alle 6.15. Stamattina il programma il Parco Nazionale di Bako.

Si inizia con il bus preso sul waterfront di fronte all'Hilton hotel. Il primo parte alle 7 ma passa alle 7.20. Ce n' uno ogni ora fino alle 17 mentre per il ritorno dal molo di Kampung Bako  ce n' uno ogni mezz'ora.

Il biglietto costa 3,5 rm e il percorso impiega circa 45'.

Al molo prima di salire e concordare per la barca ci si deve registrare e pagare il biglietto di entrata al parco di 10 rm. Per il passaggio in barca invece spendiamo 9 rm a testa per gruppi fino a 5 persone (9 rm anche per il ritorno).

Appena partiti, subito dopo il villaggio sul fiume, il paesaggio si apre e diventa bello, la foresta tropicale e il largo fiume che pi avanti sfocer nel mare della Cina del sud.

Rocce dai colori giallo/ocra e dalle forme strane per l'effetto erosivo dell'acqua.

Si scende direttamente su una spiaggia davanti al piccolo ristorante del parco. appena sulla sinistra e a due passi c' il quartier generale del parco dove ci si registra...

 

Malesia 2011 651.jpg (3784754 byte)    Malesia 2011 671.jpg (4207006 byte)    Malesia 2011 668.jpg (4531392 byte)    Malesia 2011 665.jpg (4043669 byte)    Malesia 2011 661.jpg (3973835 byte)    Malesia 2011 660.jpg (4296225 byte)    Malesia 2011 659.jpg (3942005 byte)

 

Malesia 2011 656.jpg (4350790 byte)    Malesia 2011 654.jpg (4495437 byte)    Malesia 2011 653.jpg (4404932 byte)    Malesia 2011 687.jpg (4704473 byte)    Malesia 2011 686.jpg (3693497 byte)    Malesia 2011 685.jpg (3848959 byte)    Malesia 2011 682.jpg (4212902 byte)    Malesia 2011 680.jpg (4164156 byte)

 

Malesia 2011 677.jpg (4430949 byte)    Malesia 2011 675.jpg (3857918 byte)    Malesia 2011 689.jpg (3891171 byte)    Malesia 2011 673.jpg (4854952 byte)    P1000999.JPG (4676713 byte)

 

 

16 agosto

Oggi abbiamo un semplice programma, visitare il museo di Kuching, fare un salto sulla riva nord del fiume Sarawak e qualche camminata per i Kampung che si susseguono verso est, acquisti di souvenir dell'artigianato locale.

Entrati nel museo dopo 10 minuti salta la luce, siamo costretti a uscire...la luce torner solo dopo alcune ore.

L'attraversamento del sungai Sarawak facile, dei barcaioli fanno avanti e indietro per 50 sen.

Andiamo al Fort Margherita ma non c' molto da vedere. I villaggi sul fiume non hanno molto da offrire quindi torniamo poco dopo in citt per fare compere.

Oggetti di legno lavorati, totem e statuette, telai, ceramica, tessuti ricamati delle etnie Iban e Bidayuh, cesti e spezie (famoso il pepe...), dolci tipici, nidi di rondine carissimi, e tanti souvenir soliti...

Ceniamo in Carpenter street da ambulanti cinesi, zuppa Tom yam e verdure.

 

Malesia 2011 711.jpg (4253299 byte)    Malesia 2011 709.jpg (4685104 byte)    Malesia 2011 704.jpg (3982401 byte)    Malesia 2011 703.jpg (4145367 byte)    Malesia 2011 702.jpg (4157115 byte)    Malesia 2011 698.jpg (4814168 byte)    P1010040.JPG (4599037 byte)

 

 

17 agosto

Alle 4.45 ci attende il taxi (concordato in guesthouse, ci coster 39 rm per l'orario molto mattiniero...) per l'aeroporto di Kuching. Alle 6.10 parte il volo della "Air Asia" che ci porter a Kota Kinabalu, la capitale del Sabah, altro stato della Malesia.nel Borneo nord orientale.

(il volo stato prenotato da casa per circa 160 rm a testa) .

Alle 7.30 siamo a KK, timbro di entrata nel Sabah, ritiro degli zaini e siamo gi fuori.

Oltre ai taxi che si prenotato in aeroporto (20 rm), si pu attendere il bus per il centro che per 2 rm arriva al terminal dei bus e minibus.

Ci orientiamo chiedendo e a piedi andiamo a nord fino a jln Gaya dove troviamo l'X-plorer Backpackers (jln Gaya 106/108); ci sistemiamo in una buona camera doppia con air con e bagno in comune per 60 rm colazione inclusa (incluso anche wi-fi, water dispenser, tv VIA cavo, luggage area, cucina, mini libreria, ecc.  www.xplobackpackers.com  ).

Non posso scordare di indicare l'ottimo 'laksa' preso per colazione con noodles e gambero, una delizia!

Siamo indecisi sul da farsi, la sosta a Kota Kinabalu non era stata preventivata e ci troviamo ora una giornata a disposizione da spendere al meglio. Sono gi le 10 passate, ci lasciamo tentare dalla possibilit di una giornata al mare ed per questo che scegliamo di andare al Tunku Abdul Rahman Park che consiste in un'area marina protetta con 5 isole: Gaya (la pi grande), Manukan, Mamutik, Sapi e Sulug. Acquistiamo nella guesthouse il biglietto del trasporto in barca per 17 rm andata e ritorno, al molo o 'Jesselton Point' mostriamo il voucher, ci registriamo scegliendo l'isola dove andare (Manukan) e l'orario di rientro (l'ultimo, alle 17 ma ogni ora dalle 10 ci sono possibilit) poi si paga una tassa del terminal di 7,2 rm. Si pu anche affittare il necessario per fare snorkeling per 10-15 rm.

Il viaggio dura circa venti minuti a bordo di un potente motoscafo, si delineano man mano le isole del parco e i villaggi dei filipinos sull'isola di Gaya.

 

Malesia 2011 740.jpg (4237979 byte)    Malesia 2011 726.jpg (4227779 byte)    Malesia 2011 725.jpg (4446270 byte)

 

Dopo Mamutik la volta di Manukan un po' pi grande e frequentata, un sentiero per visitare l'isola, ristoranti e un resort. L'acqua splendida per nuotare e fare snorkeling. Appena si arriva, terminata la passerella del molo si deve fare il biglietto di entrata nel parco di 10rm.

Nuotate con tanti pesciolini appena entrati in mare mentre il sole che picchia che quando ti accorgi che la pelle cotta ormai tardi, giornata passata in relax...

 

Malesia 2011 738.jpg (5000938 byte)    Malesia 2011 736.jpg (3612079 byte)    Malesia 2011 723.jpg (4216390 byte)    Malesia 2011 719.jpg (5043519 byte)    Malesia 2011 718.jpg (4616122 byte)

 

Malesia 2011 715.jpg (4699374 byte)    Malesia 2011 714.jpg (4831558 byte)    Malesia 2011 713.jpg (4517989 byte)    Malesia 2011 717.jpg (4877938 byte)    Malesia 2011 724.jpg (4331981 byte)

 

Passiamo la serata a spasso cenando al 'night market' con pesce (4 rm all'etto) e gamberi (5 rm all'etto) e visitando il mercato filippino.

 

 

18 agosto

Fatta colazione nella guesthouse, per prima cosa chiediamo dove si prende il bus per andare al terminal 'Inanam' cio il terminal dei bus diretti a Sandakan, Tawau, Lahad Datu. Di fronte all'hotel Horizon in jl. Saman saliamo su un bus per la stazione centrale dei bus 'Wawasan' da dove ne prendiamo un altro per la distante stazione Inanam.

Acquistiamo subito il biglietto del bus per Sandakan che parte tra mezzora alle 10, costa 40 rm ma il viaggio di pi di 300 km.

Intanto ci godiamo il panorama con il monte Kinabalu coperto dalle nuvole sulla cima.

Sono le 16 quando arriviamo alla stazione dei bus, a qualche km dal centro cittadino. Condividiamo un taxi con Antonella e Ilik di Milano (15rm).

Passiamo con gli zaini per il centro mentre cerchiamo una sistemazione per la notte.

Troviamo una camera al Sandakan Harbour Square hostel vicinissimo alla stazione dei bus locali (38 rm con ventola e bagno in comune). Anche per Sepilok ci sono bus da uno spiazzo poco distante che partono a partire dalle 9 (poi 9.30, 10.30, 11.30, 13, 14). A Sepilok ci andremo per visitare il Wildlife Rehabilitation Center dove sono curati e sostenuti esemplari di Orang Utan (uomini della foresta).

Passeggiata serale per Sandakan, mercati all'aperto con cibi gi cotti e pronti da mangiare come spiedini (satay), riso fritto (nasi goreng), murtabak, pesce fritto e alla brace, sticky rice cio riso glutinato e cotto dentro foglie di banana, ecc.

 

Malesia 2011 745.jpg (3937749 byte)    Malesia 2011 743.jpg (4308863 byte)    Malesia 2011 742.jpg (3881365 byte)    Malesia 2011 741.jpg (3925724 byte)

 

 

19 agosto

Lasciamo la camera ma depositiamo gli zaini in albergo.

Alle 9 c' il bus per Sepilok che in 40' e 4 rm ci porta davanti l'entrata del Sepilok wildlife center per la riabilitazione degli Orangutan, il santuario degli Orangutan nel Sabah.

Subito vediamo tanti turisti che vengono qui con agenzie organizzate per vedere questi straordinari animali.

L'entrata a questo centro non governativo costa ben 30 rm inoltre si pagano altri 10 rm per la camera fotografica o videocamera.

I due momenti migliori per vedere gli oranghi sono le 10 e le 15 quando viene portato da mangiare sulla piattaforma.

Siamo qui apposta e almeno pi di cento turisti con noi molti dei quali appostati con gli obiettivi delle macchine fotografiche puntati sui due oranghi mamme e i due loro piccolini.

straordinario assistere a questo momento di cos forte intimit tra la mamma Orang e il bambino. Le foto spiegano tutto pi che bene.

 

Malesia 2011 775.jpg (4473408 byte)    Malesia 2011 776.jpg (4426694 byte)    Malesia 2011 773.jpg (4436361 byte)    Malesia 2011 771.jpg (3913211 byte)    Malesia 2011 769.jpg (4233685 byte)    Malesia 2011 764.jpg (4738322 byte)    Malesia 2011 760.jpg (4620274 byte)    Malesia 2011 755.jpg (4117065 byte)

 

Non restiamo che mezzoretta poi prendiamo la via del ritorno. Di autobus per Sandakan ce ne dovrebbero essere diversi ma a quanto pare quello delle 11.30 non ci sar (?), quindi ci mettiamo a camminare tornando verso l'incrocio. Veniamo caricati quasi subito per un passaggio in auto fino a 'batu 8' riferimento di 8 km di distanza da Sandakan. Da l un bus che impiega un sacco per condurci in citt dove dobbiamo ritirare gli zaini e ripartire per Sukau, sulle rive del fiume Kinabatangan.

Chiediamo da dove partono i bus per Sukau, in una via laterale c' un minibus pronto ma vuoto. Il prezzo di 35 rm ci sta ma strano che 'attorno' alle 13 si parta nonostante nessun passeggero oltre a noi.

Attorno l'una, "around" mi dice un tipo che sembra l'autista.

Verso l'una e mezza arriva il vero autista, lo paghiamo e si parte.

Da Sandakan si torna indietro in direzione Kota Kinabalu poi si devia per Tawau o Lahad Datu, infine al 'batu 32' o 'meeting point' si devia per Sukau. sono circa due ore e mezza.

 

 

 

Malesia 2011 911.jpg (663156 byte)    Malesia 2011 909.jpg (672553 byte)    Malesia 2011 908.jpg (1458651 byte)

 

Sukau non altro che un villaggio sulle rive del Kinabatangan.

Arriviamo verso le 16, l'autista ci porta direttamente al Sukau B&b che alla fine della strada asfaltata dopo aver superato il primo agglomerato di case e il successivo sul fiume. Il B&B consiste in una grande casa rialzata con camere sia sotto che al piano rialzato. Si pagano 25 rm per persona, il bagno in comune e la colazione compresa. I pasti costano 10rm.

Se si vogliono fare le escursioni in barca si pagano 30 rm per quelle diurne e 40 per quella notturna.

 

 

20 agosto

Per oggi abbiamo in programma 2 uscite in barca.

 

Malesia 2011 901.jpg (2078046 byte)    Malesia 2011 834.jpg (2557025 byte)    Malesia 2011 833.jpg (2640526 byte)    Malesia 2011 832.jpg (2730050 byte)    Malesia 2011 830.jpg (2560572 byte)

 

Malesia 2011 815.jpg (2520082 byte)    Malesia 2011 812.jpg (2485751 byte)    Malesia 2011 801.jpg (2786203 byte)    Malesia 2011 849.jpg (2348957 byte)    Malesia 2011 842.jpg (2705774 byte)    

 

Alle 6 partiamo con la barca a motore per la prima uscita.

Quasi subito vediamo le prime scimmie nasiche che in gruppo saltano da una fronda all'altra per procurarsi cibo, foglie. Queste scimmie 'proboscis monkeys' sono davvero uniche, i maschi hanno il naso a proboscide e un grosso e gonfio ventre mentre le femmine sono pi aggraziate con il naso all'ins.

 

Malesia 2011 819.jpg (2861309 byte)    Malesia 2011 804.jpg (2848887 byte)    Malesia 2011 871.jpg (2627934 byte)    Malesia 2011 870.jpg (2602254 byte)

 

Malesia 2011 859.jpg (2215552 byte)    Malesia 2011 857.jpg (2282225 byte)    Malesia 2011 782.jpg (4395494 byte)    Malesia 2011 840.jpg (2342441 byte)

 

Ottimo anche il birdwatching, riusciamo a vedere il kingfisher e l'hornbill con il becco cos particolare, colorato che si distingue in 8 specie.

 

Malesia 2011 906.jpg (218530 byte)    Malesia 2011 877.jpg (2956200 byte)    Malesia 2011 874.jpg (2745695 byte)    Malesia 2011 826.jpg (2596604 byte)

 

Non vediamo tante specie di animali ma confidiamo nell'uscita pomeridiana.

Alle 16 usciamo nuovamente in barca questa volta andando verso sinistra e poi imboccando un canale pi stretto.

Tantissime scimmie che vediamo nel loro habitat naturale che mangiano e stanno assieme. Le vediamo benissimo, non sembrano nemmeno spaventate, ormai sono abituate alla presenza dei turisti...

 

Malesia 2011 897.jpg (2560856 byte)    Malesia 2011 894.jpg (2810753 byte)    Malesia 2011 892.jpg (2604961 byte)    Malesia 2011 881.jpg (2850951 byte)    Malesia 2011 880.jpg (2838419 byte)    Malesia 2011 879.jpg (2763661 byte)

 

 

21 agosto

Colazione alle 6 e ritorno a Sandakan in minibus alle 6.30 come concordato ieri sera (35 rm). In circa due ore siamo a destinazione, una bella giornata con le vie del centro occupate dal mercato domenicale. Cerchiamo un hotel che troviamo facilmente e con molto piacere nello squisito May Fair, gestito da un signore cinese. La camera matrimoniale per 45 rm ha tutto ci che occorre: pulizia, air con, doppie finestre per i rumori, tv e dvd, pi prese della corrente, bagno e doccia con acqua calda, wi-fi free, postazioni pc per internet (4 all'ora). Probabilmente il miglior hotel di questa vacanza.

 

Malesia 2011 932.jpg (2571674 byte)

 

Con i due amici italiani incontrati gi a Kota Kinabalu, Antonella e Ilik, visitiamo alcune zone di Sandakan meno note; in bus (0,5 rm) preso nei pressi della stazione andiamo a Sim Sim un quartiere a nord sulla baia dove ci sono un paio di ristoranti specializzati di pesce. Questo quartiere fatto di case direttamente sul mare, sono palafitte con tutta una serie di pontili che fungono da vie interne.

Malesia 2011 929.jpg (2897357 byte)    Malesia 2011 928.jpg (2875097 byte)    Malesia 2011 922.jpg (2913805 byte)    Malesia 2011 921.jpg (698310 byte)    Malesia 2011 920.jpg (689233 byte)    Malesia 2011 916.jpg (870445 byte)    Malesia 2011 915.jpg (663233 byte)    Malesia 2011 914.jpg (674606 byte)

 

Malesia 2011 927.jpg (2543318 byte)    Malesia 2011 926.jpg (2555208 byte)    Malesia 2011 925.jpg (2800965 byte)

 

Fa un caldo tremendo, al sole non ci si sta.

Torniamo a Sandakan e con un altro bus andiamo a visitare il tempio cinese pi grande...

Ceniamo in un locale un po' turistico in riva al mare appena dietro la stazione dei bus. Nulla di memorabile ma c' la birra...

Salutiamo Antonella e Ilik che forse rivedr dopo il 24...

   

22 agosto

Partenza e addio Borneo, alle 10.15 abbiamo il volo della 'Firefly' per Kuala Lumpur (90 rm).

Nonostante ci sia un bus per 'batu 7- airport' che dovrebbe arrivare in aeroporto o a 500 metri da questo per non rischiare scegliamo di prendere un taxi o 'texsi' come dicono qui. Ci si impiega poco per arrivare, circa 15-20 minuti e 20 rm (senza contrattare ma forse anche per meno...).

Solite formalit, due ore e 45 di volo e siamo nella capitale.

Per raggiungere il centro prendiamo il klia express, caro ma puntuale e veloce (35rm). Arrivati a kl sentral prendiamo la linea Lrt Putra direzione Tomba per Masjd Jamek dove scendiamo. A piedi raggiungiamo l'hotel Coliseum situato in jl. Tuanku Abdul Rahman 98-100 in Little India dove prendiamo una camera doppia per 41 rm, ampia e pulita ma senza bagno, solo lavandino e due letti, uno matrimoniale d uno singolo, ventola e armadi...una pecca importante il rumore proveniente dalla strada. Un hotel storico con bar e ristorante.

Visitiamo Merdeka Square, la moschea Majid e la Court Hall, quello che stona e colpisce la fusione tra moderno e tecnologico e i palazzi di stile vittoriano con elementi moreschi-islamici.

Kuala Lumpur tutto un mercato, tra Chinatown e Little India molte sono le vie, i vicoli occupati da venditori ambulanti, si passa dalle stoffe, dai sari indiani, i sarong, le stoffe batik, tappeti, cappelli muslim e chador, poi borse e scarpe dai marchi griffati e contraffatti, bancarelle di frutti esotici, cibi precotti e tanti altri oggetti...

Ceniamo in Chinatown ma non stata una buona decisione, i prezzi sono pi alti e la qualit spesso scadente con una clientela prevalente straniera e nel nostro caso cattiva igiene con conseguenze che potete immaginare.

 

Malesia 2011 952.jpg (2362326 byte)    Malesia 2011 947.jpg (2410252 byte)    Malesia 2011 942.jpg (2392200 byte)    Malesia 2011 944.jpg (2436822 byte)    Malesia 2011 941.jpg (2471724 byte)    Malesia 2011 940.jpg (2517918 byte)

 

 

23 agosto

Piove, a Kuala Lumpur (foce fangosa) spesso il cielo coperto e l'umidit si fa sentire.

Facciamo colazione, si fa per dire, al vicino restoran Bilal dove ci siamo fermati ieri per pranzo.

Questo ristorante indiano pulito e frequentato, soprattutto si mangia bene ed economicamente. Roti, biryani, chapati e altre specialit.

Per oggi abbiamo in programma di andare alle Batu Caves, delle grotte in cui ci sono dei templi indiani a 13 km a nord di KL. Prendiamo un bus, n.10, da Medan Pasar.

Scendiamo al di l della grande arteria cittadina che va verso l'est. Non facile attraversare a KL i semafori spesso ignorano i pedoni e bisogna fare molta attenzione.

Non difficile sbagliare...

 

Malesia 2011 985.jpg (2470262 byte)    Malesia 2011 984.jpg (2744611 byte)

 

In seguito visiteremo anche la Majid Negara e la stazione centrale ferroviaria (nulla di eccezionale...).

 

 

 

24 agosto

Ultimo giorno per Ely mentre per me ci sar da aspettare prima del ritorno a casa che sar tra 6 giorni.

Il programma di oggi la visita del museo di arti islamiche nei pressi della Masjid Negara e la visita del Kl bird park.

Cos facciamo.

Tutto a piedi per le strade super trafficate di KL, arriviamo al Museo di Arti Islamiche in tarda mattinata. Abbiamo lasciato la camera mentre i bagagli sono custoditi in hotel.

Per arrivare al museo impiegano circa venti minuti a piedi passando da Merdeka Square. La jl.Perdana sale attraverso una Bella zona verde.

L'entrata al museo costa 10 rm e devo dire che vale la pena entrarci. Viene esposta molto bene ci che l'islam in Malesia con diversi manufatti originari dal mondo islamico. Ci sono aree diverse, la zona dei gioielli, dei tessuti, ceramiche, l'architettura con modellini di molte moschee asiatiche, spade e armi da sparo, libri del corano di diverse grandezze.

Le didascalie sono chiare e sempre presenti. Un museo molto interessante.

Una volta usciti torniamo leggermente indietro e in jl. Perdana arriviamo al parco aviario pi grande del mondo. Anche il costo del biglietto proporzionato, ben 45 rm!

Appena entrati, si sta sotto un'enorme rete alta che permette ai vari esemplari di volatili di non scappare. Uno zoo con gli animali liberi, o quasi tutti perch alcuni sono dentro delle gabbie (aquile, hornbills, tucani e altri ancora).

Pappagallo, pavoni, fenicotteri, specie soprattutto del sud est asiatico. Il percorso diviso in zone e la mappa fornita all'entrata utile per trovare le specie desiderate.

 

Malesia 2011 980.jpg (2216407 byte)    Malesia 2011 979.jpg (2147055 byte)    Malesia 2011 978.jpg (2068395 byte)    Malesia 2011 976.jpg (2251978 byte)    Malesia 2011 974.jpg (2214286 byte)    Malesia 2011 975.jpg (2648246 byte)    Malesia 2011 967.jpg (2125254 byte)    Malesia 2011 962.jpg (2741371 byte)

 

Non abbiamo molto tempo, alle 21.35 Ely ha l'aereo. Ritiro la biancheria portata due giorni fa alla lavanderia Cucicuci in little India (4 rm al chilo), mangiamo al solito Bilal restoran in jl. Tar, infine accompagno a malincuore Ely a Kl Sentral da dove parte per l'aeroporto con il trenino klia express (35 rm) che in 28 minuti assicura il collegamento da e per il centro citt con puntualit.

Non mi resta che tornare sui miei passi solo e triste ma desideroso di viaggiare ancora un po'.

Scelgo di partire per il mare, la costa del Terengganu, l'isola di Kapas.

Mi dirigo al terminal dei bus Puduraya, per Kuala Terengganu il prossimo bus alle 22.30. Acquisto il biglietto (39 rm della ekspres kesatuan).

   

25 agosto

Arrivo a Marang che sono le 6. Mi accorgo per una scritta che leggo fuori e poi perch due passeggeri si sono preparati a scendere. ancora buio, cerco di orientarmi e mi facile la grande moschea vicina al lungo mare (in verit fiume che sfocia nel mare).

Attendo che nasca anche questo giorno, intanto perlusco al 'jetty' gli orari di partenza per Pulau Kapas, l'isola di cotone per la chiarezza della sabbia (ogni due ore dalle 9.30 alle 17.30; per il ritorno mezz'ora dopo fino alle 18).

 

Marang.jpg (2683647 byte)

 

Sono le 9.30 tra poco si parte spero che tutto questo sbattimento sia valso la pena.

Il ticket Lo faccio con la Suria Link, una delle due agenzie locali (40 rm andata e ritorno).

A 'occhiometro' e perch me l'hanno consigliato, scelgo di alloggiare al KBC, Kapas Beach Chalet, una struttura economica sulla spiaggia. Prima di scendere, la barca fa scendere i pochi passeggeri sull'isola privata di Gemia a un passo da Kapas dove c' un lussuoso resort da 350 rm al giorno.

Il KBC su una bella spiaggetta tra le palme dove sono nascosti i chalet. Purtroppo per me non ce ne sono pi liberi pertanto accetto di stare nel dormitorio da 4 posti e due stanze per 15 rm. C' il ristorante ( prezzi medio-alti, per esempio barbecue di pesce 45 rm) e per gli ospiti la maschera sub gratuitamente. Non c' internet.

Faccio colazione con roti canai (6rm) e caff mentre lo stereo un perpetuo di musica pop inglese.

Il classico posto fatto per i turisti, un turismo giovane... Giovani coppiette, posto romantico...

La spiaggia davanti al KBC non male, l'acqua trasparente verde, resti di corallo e conchiglie, sabbia chiara.

Stranamente c' un'aria dimessa come quando si a fine stagione, addirittura i due vicini del KBC sono chiusi, forse stanno ristrutturando i chalet...

Certo il tempo non aiuta.

 

Pulau Kapas.jpg (2554510 byte)    Malesia 2011 992.jpg (2129974 byte)    Malesia 2011 988.jpg (2706222 byte)

 

Sapevo che avrei potuto incontrare i due amici lasciati a Sandakan e cos , trovo Antonella e Ilik arrivati a Kapas come me stamattina che sono ospitati al Pak Yat Sea View, hanno un chalet con Vista mare per 60 rm, con bagno e doccia. Ci sono altre possibilit per soggiornare a Kapas, per esempio il Captain Longhouse pi a est appena prima del Turtle Kapas Resort.

Qualche nuotata, camminate senza senso sulla spiaggia, rilassamento totale che non guasta quando ci si ricorda che un viaggio comunque una vacanza...

Decidiamo di cenare per simpatia al Qimi poco distante dal KBC andando verso ovest superati gli scogli.

Con il ramadan ci viene suggerito sempre di mangiare alle 20.

Gamberi in salsa al burro e pepe nero (18 rm) mee hoon fritti con seafood (9). Purtroppo niente cerveza, birra, beer...eh s cos, un po' di nostalgia di latinoamerica mi arriva...

   

26 agosto

Dopo colazione al KBC mi dirigo al Pak Yat dove hanno pernottareSono d'accordo con i due amici di Milano di fare l'unico sentiero nella giungla dell'isola che conduce al litorale nord. Il sentiero breve anche se un po' impegnativo.

Purtroppo niente animali, niente scimmie solo farfalle e la fortuna di vedere dei kingfisher.

Il sentiero ben segnalato e inizia dietro il Kapas beach resort subito a fianco del jetty, c' un cartello che indica "jungle  trail" per Berakit, 720 metri.

Sono in ciabatte, non c' da camminare molto...

Una corda sempre presente, utile in alcuni passaggi pi difficili, bisogna fare attenzione a non cadere sui massi scivolosi.

Berakit solo un anfratto lungo la costa nord, sassi e sassi, niente di unico, difficile anche fare il bagno...

Torniamo indietro, per cercare altre spiagge, decenti questa volta...

Superata una scalinata subito dopo il Longhouse si arriva a Turtle beach dove c' l'omonimo resort. Sar il tempo ma la spiaggia deludente, mentre gli ospiti del resort si rilassano sui lettini...

Torniamo indietro superando le spiagge viste per arrivare fino a quella in fondo proprio di fronte a Gemia Island. Solitaria e deserta, per arrivarci si passa tra le rocce e il mare...

Bella spiaggia, l'acqua del mare profondamente verde...

Per cena, resto con i due amici al Pak Ya, la solita cucina che non soddisfa completamente...

 

 

27 agosto

Colazione e via, si parte!  Lo scafo della Suria arriva alle 9.30 anche se devo prenderlo al molo.

Una volta a Marang mi dirigo sulla strada, ho deciso di andare a Ipoh e seguendo le indicazioni ricevute da alcuni viaggiatori sembra che da Kuala Terengganu per Ipoh il percorso sia verso sud passando da Kuantan e Kuala Lumpur.

Attendo alla fermata dei bus. Dopo diversi passaggi di bus senza che questi si fermino finalmente si ferma un bus completamente vuoto, con me una coppia olandese. Ci chiedono 20 rm a testa nonostante io scender a Kuantan e gli altri due a Cherating.

Arrivo a Kuantan dopo 2 ore e mezza alle 13.30, immediatamente compro un biglietto per Kuala Lumpur (22 rm), per Ipoh ci sarebbe un bus ma troppo tardi per me alle 21.

Arrivo a Kl alle 18, con la metro Lrt mi dirigo a Puduraya, la stazione degli autobus (fermata plaza rakya), subito risalgo su un bus per Ipoh (20 rm) che parte alle 6.30. Mi auguro che questa mia determinazione nell'arrivare a Ipoh venga ripagata da una.citt interessante come sembra...

Arrivo a Ipoh dopo quasi 3 ore compresa fermata 'dinner' allo scoccare delle sette e mezza.

Il terminal dei bus piuttosto lontano dalla zona in cui vorrei pernottare quindi in taxi (10rm) arrivo al Sun Golden Inn (jalan Che Tak), l'hotel economico ma pulito segnalato dalla mia Lp. Con me entra anche il tassista (?) per prendersi forse i 3 rm del conto della camera che, guarda caso, costa 43 ringgit.

L'hotel pulito e dignitoso, la mia camera (n.39) ampia con bagno doccia aria condizionata, ventola.

Non aspetto e vado a cena, appena dietro l'hotel in jalan Ali Pitchay ci sono dei restoran. Con la fame che ho una pacchia.

 

 

28 agosto

Visitiamo Ipoh, certo, la giornata gradevolmente ventilata e soleggiata, finalmente.

Lascio l'hotel e inizio a seguire la cartina, faccio colazione nell'ottimo kedai kopi Lim (in jl Sultan Yussuf) dove prendo anche l'utilissimo opuscolo con cartina dell'itinerario coloniale di Ipoh.

Ipoh, 'la citt dei milionari' come era chiamata nel secolo scorso per il boom dello stagno e della gomma. Una citt, la quarta pi grande della Malesia che conserva testimonianze del suo ricco passato. C' molta vitalit ed piacevole sentirsi tra i pochi stranieri in citt.

 

Malesia 2011 1011.jpg (2769552 byte)    Malesia 2011 1010.jpg (2619384 byte)    Malesia 2011 1007.jpg (2450519 byte)    Malesia 2011 1006.jpg (2802101 byte)    Malesia 2011 998.jpg (2416834 byte)    Malesia 2011 999.jpg (2112501 byte)

 

Terminata la passeggiata tra edifici storici alcuni ben tenuti altri no, mi dirigo alla stazione dei bus locali. Prendo il biglietto (8,4 rm) del bus per Taiping delle 13, anzi per Kamunting a 6 km da Taiping. Un'ora e mezza di viaggio.

Decido di comprare subito il biglietto del bus per Kuala Lumpur, scelgo quello delle 17 (23 rm) e arrivare quindi nella capitale un giorno prima del mio ritorno, il volo di rientro fissato per la sera di dopodomani.

Prendo il bus locale per Taiping, un bus scassatino tutto rosso...(1,2rm).

Pochi minuti poi scendo alla stazione un po' incastrata nel bel mezzo della citt.

Mi oriento scegliendo il Peking Hotel come sistemazione di oggi. Prendo lo stesso la camera nonostante il prezzo non sia proprio budget, 65 rm ma ho tutto ci che serve, (anche wi-fi) ma l'edificio quello che pi mi piace. Qui i giapponesi durante la seconda guerra mondiale occuparono e impiantarono l'ufficio della polizia.

Il vecchio nome di Taiping era Larut.

Durante gli anni di estrazione dello stagno clan rivali cinesi si confrontarono spesso con feriti, morti, rivalit per contendersi il mercato. I coloni inglesi imposero un armistizio tra le diverse fazioni e cambiarono il nome della citt in Taiping che significa pace.

Giro un po', oggi mercato e la gente occupa la strada principale a partire dalla stazione degli autobus.

Il mercato il primo in Malesia, seguendo un ordine impartito e logico, la carne da un lato poi le verdure anche se quella di maiale pi distante...

Ricomincia a piovere, non la smette pi...

Ceno vicino all'hotel, chicken rice in the claypot (casseruola di terracotta).

 

 

29 agosto

Inizio nel migliore dei modi, colazione con brodo di pesce per pochi ringgit poi inizio la passeggiata fino al punto di partenza per Bukit Larut, la collina che domina Taiping, prima stazione di villeggiatura in collina della Malesia che gli inglesi sfruttarono anche per coltivare il th.

Prima dei giardini del lago entro nella chiesa di tutti i Santi, suggestive le croci del cimitero accanto; le iscrizioni riportano quasi esclusivamente nomi inglesi di soldati britannici, australiani e neozelandesi...

Entro anche al museo, il primo fondato in Malesia. Interessante con oggetti locali, una testa di rinoceronte mummificata, usi e costumi della regione del Perak e delle comunit indiana e cinese...

 

Malesia 2011 1012.jpg (2437753 byte)    Taiping, museo.jpg (2212279 byte)    Malesia 2011 1016.jpg (2363828 byte)

 

I giardini di Taiping sono notevoli, il laghetto immerso in un parco verde e tenuto molto bene. I prati tagliati le siepi, le palme, tutte le piante disposte con armonia...La gente passeggia, i bambini giocano, c' chi corre e chi si rilassa.

 

Taiping giardino.jpg (2567379 byte)    Malesia 2011 1018.jpg (2589963 byte)

 

Continuo oltre, arrivo alla base della collina appena in tempo per il passaggio in land rover per 6 rm andata e ritorno (le auto private non possono salire alla collina). 12 km di salita su una strada asfaltata. Bukit Larut alta 1019 metri.

In cima la jeep termina la sua corsa, tra un'ora e mezza si riparte da qui. Faccio fotografie, il cielo coperto e sotto la vista spazia su Taiping e il litorale...

 

Taiping - Bukit Larut.jpg (709701 byte)    Malesia 2011 1023.jpg (1466669 byte)    

 

Quando torno indietro ho giusto il tempo per un boccone, tornare all'hotel per riprendere lo zaino lasciato in custodia e prendere il bus per Kamunting.

Alle 17 sono sull'autobus per Kuala Lumpur. Questa volta un'altra sorpresa, con questa compagnia "Star Mart" le grandi poltrone fanno i massaggi, che goduria!!

4 ore di viaggio e sono alla stazione dei bus Puduraya a KL.

Mi incammino in jalan Sultan uscendo e subito svoltando a sinistra, come sempre tanta gente in prossimit di Petaling street.

Come a inizio viaggio, torno nello stesso hotel anche se questa volta da solo, il Lok Ann. Pago 65 rm per una grande camera da tre persone rimasta ancora libera.

 

 

30 agosto

Ultimo giorno di viaggio, questa sera ho il volo di rientro.

Utilizzer gli ultimi ringgit per acquisti, souvenir...come sempre quando sono in giro finisco il viaggio con il riempire lo zaino di piccoli ricordi e regali...

Tanta gente in giro oggi, la fine del Ramadan e la festa chiamata anche Hari Raya, il nuovo anno per i malesi. Domani sar il giorno di festa nazionale per l'anniversario d'indipendenza o Merdeka.

Decido di lasciare questo inferno, i bus vengono presi d'assalto e per la metropolitana addirittura una bolgia dove poter comprare il biglietto.

Vado a piedi e con forte anticipo alla fermata 'sentral' dove acquisto il biglietto del klia exspress (35 rm) sebbene potrei prendere anche il bus che parte da qui e costa solo 8 rm. Oggi per non voglio rischiare con il traffico o altro...

L'aeroporto di Kuala Lumpur fantastico, moderno e semplice, ogni indicazione molto chiara.

Faccio il check-in, a Bangkok il primo scalo (al banco del gate Egypt Air otterr le altre due carte d'imbarco...), poi Il Cairo e domani Milano Malpensa.

Anche questo viaggio arrivato alla fine purtroppo, questa volta per sapendo gi quale paese visiter a fine anno...le Filippine.

Un viaggio in Malesia come viaggiare tre volte, dieci volte, mille volte...

 

 

Spese:

 

Volo aereo a/r Egypt Air 715

 

Soldi cambiati sul posto:

100

200 $

100

200

100

100 o

190

 

totale: 1650

   

Note di viaggio

 

 

CLIMA

sempre molto umido, caldo ma spesso fortunatamente ventilato.

Non sempre il cielo azzurro e limpido. Forse la costa est ha meno problemi in tal senso. Forse.

Nel Borneo ha spesso piovuto, il sole a tratti, caldo e molto molto umido.

Credo che sarebbe stato meglio viaggiare nel mese di luglio rispetto ad agosto...

Non ho notato grandi differenze tra la costa ovest e quella est nella Malesia peninsulare.

 

CUCINA

Incuriosisce sempre per i profumi cos diversi, piacevoli, insoliti, basta pensare al cocco o al tamarindo e le tante spezie usate da secoli (coriandolo, lemongrass, curcuma, cumino, ginger, ecc.)

Tutto quanto poi moltiplicato dall'apporto delle comunit cinese e indiana ma anche thailandese e degli stati del sud est asiatico.

Riso (nasi), noodles (mee), sono onnipresenti ma le combinazioni di questi piatti sono infinite. Una variante dei noodles sono i kway teow, fatti di farina di riso e piatti tipo delle tagliatelle.

Laksa (minestra-brodo piccante con gamberi, polvere di gamberetti secchi, latte di cocco ecc.), murtabak (roti canai ripiego di carne o uova), mee, mee hoon (mee sottili di riso), noodles, nasi lemak (riso bollito in latte di cocco con arachidi, uovo sodo e pesciolini secchi: ikan bilis), ayam (pollo), ikan bakar (pesce alla brace), udang (gamberi), sotong (calamari), cendol (un gelato-granita con fagioli, latte di cocco, sciroppo di zucchero di canna e una verdura di mare simile a spaghetti...mah!), kelapa (cocco), air kelapa (acqua di cocco), tom yam (zuppa piccante thai style), satay (spiedini di carne marinata e cotti sulla brace, poi con salsa di arachini), asam (tamarindo).

I kedai kopi o kopitiam sono bar dove si pu anche fare colazione. I restoran sono ristoranti.

Sulle isole dimenticatevi di mangiare bene e tipicamente malese. Molto meglio restare sulla terraferma.

 

Malesia 2011 912.jpg (735403 byte)    Malesia 2011 404.jpg (4431289 byte)

 

 

GENTE

Tranquilla e forse timida, quasi sempre sorridente, molto riservata.

Malesia significa anche Cina e India. Peranakan e Baba-Nyonya a Melaka (i cinesi dello stretto mischiati con i malesi).

Peccato che un viaggio in Malesia non possa essere ricordato per l'entusiasmo del suo popolo. A me ha deluso proprio per la mancanza di curiosit e carattere...

Troppo bloccata la gente, sembra che faccia a gara per impegnarsi nel rincorrere il sogno del dio denaro e per questo senza pi desiderio d'altro...

 

COSTI

Generalmente un viaggio in Malesia non costoso confrontando i prezzi con quelli europei. Va segnalato per che spesso i costi sono superiori a quelli dei paesi del sud-est asiatico.

Mangiare: con pochi ringgit ci si pu riempire la pancia con zuppe oppure riso fritto e noodles bolliti.

Pernottamento: piccoli hotel e guesthouse da 25 ringgit in su. Se le camere hanno il bagno e l'aria condizionata il prezzo sale. Consiglio di provare a chiedere anche negli alberghi non segnalati dalle guide turistiche.

**Non consiglio i seguenti posti:

Kb backpackers Inn a Kota Bahru; gestito da un ragazzo disonesto che ha imbrogliato noi e altri due viaggiatori con fasulle prenotazioni al D'Lagoon di Pulau Kecil (Perenthian).

Non consiglio nemmeno il D'Lagoon credo sia d'accordo con il gestore del kb backpackers Inn di Kota Bahru (e forse anche con altri gestori...) fa finta di niente su prenotazioni che non esistono 'parcheggiando' i malcapitati nel dormitorio. Inoltre sono scorretti anche i prezzi dei taxi boat.

Non andate all'hotel Makmur di Kuantan, decisamente sporco oltre che caotico.

Trasporti: economici. La benzina decisamente a buon mercato!

 

TRASPORTI

Bus moderni quasi sempre con aria condizionata anche se tenuta a livelli umani. Mi correggo, quasi mai tenuta a temperature umane, fa cos freddo che necessario una maglia maniche lunghe o coperta e gli spifferi sono molto pericolosi per la gola. Non capir mai che gusto c' nel gelare in viaggio...boh!

Gli autobus sono moderni, poltrone enormi comodissime, una volta addirittura automassaggianti, tv, aria condizionata, sedili reclinabili e pedane per le gambe.

   

 

MINI VOCABOLARIO

s  ya

no  tidak

Arrivederci  selamat jalan

Ciao  helo

buongiorno  selamat pagi

buonanotte  selamat malam

buono  baik

scusi  maaf

per favore  tolong

il conto  minta bon

sinistra  kiri

destra  kanan

questo  ini

quello  itu

letto  katil

grande  besar

piccolo

acqua  air

latte  susu

verdura  sayur

misto  campur

sale  garam

latte  susu

1  satu

2  dua

3  tiga

4  empat

5  lima

6  enam

7  tujuh

8  delapan

9  sembilan

10  sepuluh

11  sebelas

12  duabelas

20  duapuluh

21  duapuluh satu

30  tigapuluh

100  seratus

1000  seribu

 

Non importante dove si va, dove si , la cosa giusta correre vivere sorridere.

Noi non finiremo mai nel cercare di capire...ma nel lasciarsi andare la vera scoperta...

 

Non abbiamo niente, accontentiamoci di questi occhi, un respiro di vita... 

Malesia 2011 930.jpg (2817998 byte)

 

Michele

michele@viaggiareliberi.it

 

 

 

[ Malaysia ]

 

 

[ Lettere sulla Malesia ]

 

scrivimi-write to me-escrbeme !

 

Home ] AFRICA ] AMERICA ] ASIA ] EUROPA ] OCEANIA ]