Messico Centrale e Pacifico

Bajo los cielos de Mexico

Diario di viaggio 25-07/18-08 2009

di Michele Spiriticchio

 

 

Mexico 2009 216.jpg (2484396 byte)    Mexico 2009 023.jpg (693792 byte)    Mexico 2009 084.jpg (1552511 byte)    Mexico 2009 181.jpg (365343 byte)    Mexico 2009 220.jpg (2315810 byte)

 

E QUANDO pensi

è arrivato il momento di lasciare andare, e camminare, correre e 

non fermarsi mai...

 

 

 

CAMBIO: 1€= 18,87 m$ (pesos)

 

Mexico 2009 535.jpg (4564569 byte)

 

25-07-09

Con volo airfrance da Milano Malpensa a Parigi Charles de Gaulle poi con un secondo volo io e Flavia arriviamo a Mexico City la capitale del Messico dopo 11 ore e mezza alle 18.30 locali.

Il cielo è grigio, ha appena piovuto e la temperatura è di 15 gradi.

Per me è la quinta volta che visito il Messico, un paese che mi ha segnato profondamente e grazie al quale ho approfondito la conoscenza di altri paesi latino-americani e del Caribe.

Consueto controllo della polizia alla 'migracion' poi ritiro bagagli infine l'uscita dopo aver cambiato dollari (cambio 12,60 pesos per 1$). Compriamo anche un biglietto per uno dei taxi 'autorizados' che a seconda delle differenti destinazioni hanno tariffe fisse. Noi per lo zocalo la Plaza Mayor paghiamo 205 pesos. Il Mexican City Hostel è in Avenida Republica de Brasil, non ha camere libere (la doppia costerebbe 360 m$) così ci dirigiamo al vicino hotel Azores nella stessa via. La piccola camera matrimoniale costa 320 m$ con bagno, tv e ventilatore (un po' rumorosa, portatevi i tappi per le orecchie). Andiamo a letto che sono le 20.15 ma per noi sarebbero le 3.15!

 

26-07-09

In taxi (150 pesos con tassametro) andiamo presto al Terminal norte dove prenderemo un bus per Guanajuato. Sono le 7, alle 7.30 parte il nostro bus della primera plus (314 p$), bus di prima classe plus che sta a significare tanta comodità, tanto spazio, film e sacchetto merenda.

Alle 12.50 dopo 5 ore di viaggio arriviamo al terminal dei bus di Guanajuato. Con un bus pubblico (5 m$) arriviamo in centro dopo aver percorso circa 3-4 km. Guanajuato ha diversi tunnel stradali che la contraddistinguono. Scendiamo a est e a piedi andiamo alla "Casa Bertha". Camera con 3 letti a 360 M$ con bagno. Siamo su una bella terrazza dove c'è anche una cucina.

Facciamo una passeggiata per la città senza tanti calcoli, saliamo fino al monumento a El Pipìla, l'eroe locale lungo una ripida scalinata. Ci si può arrivare anche con una corta teleferica.

Ci sono diverse belle piazze mentre la città si snoda in modo aggrovigliato con callejones e calles in cui però non è facile perdersi.

Ceniamo al Truco7 in calle Truco. Il ristorante è famoso sia per i locali che per gli stranieri e nonostante l'ambiente "per turisti" si mangia bene con specialità locali.  

Mexico 2009 009.jpg (2554611 byte)    Mexico 2009 010.jpg (2847556 byte)    Mexico 2009 017.jpg (2413952 byte)    Mexico 2009 019.jpg (2877570 byte)    Mexico 2009 024.jpg (745429 byte)    Mexico 2009 001.jpg (2619001 byte)

 

27-07-09

Decidiamo di partire già stamattina per Morélia e poi per Pátzcuaro. Facciamo colazione per strada con cafè de olla (in pentola), tamales (pasta a base di mais avvolta nella foglia della pannocchia, esistono diversi tipi, zuccherati, con carne, verdure, ecc.), pan y gorditas. Prima di prendere il bus per il terminal cambiamo dollari da una casa de cambio poco distante dall'Alhóndiga de Granaditas.

Al terminal acquistiamo un biglietto per Irapuato (33 m$) perché per Morelia dobbiamo aspettare le 11 e sono solo le 9.30 (per Morelia le prime partenze sono verso le 7. Arriviamo a Irapuato che sono le 11, scendiamo ma risaliamo subito sullo stesso bus che continua per Moroleón (57 m$). Alle 14.30 circa arriviamo a Moroleón dove cambiamo per Morélia (33 m$). Dopo un'altra ora abbondante siamo al terminal, ora l'ultimo bus per Patzcuaro il capoluogo purepecha. Dal terminal in bus fino il centro in 5 minuti, poi a piedi fino all'hotel Valmen. Prendiamo una bella camera con bagno, tv e acqua calda 24 ore su 24 per 250 m$.

Giriamo per Patzcuaro tranquillamente andando in plaza grande dove c'è al centro la statua di Vasco de Quiroga il vescovo mandato qui dai Reales di Spagna e in plaza chica o Gertrudis Bocanegra dove c'è l'omonima biblioteca (da vedere all'interno un grande murale sulla storia locale).

Il clima è fresco, siamo a più di duemila metri di altezza, la sera fa quasi freddo.

Nei pressi della piazza grande la casa degli 11 patios (Casa de los onze patios) molto bella ora un centro sull'artigianato michoacano con diversi negozi e laboratori che vendono maschere, maques, stoffe e ricami.

Ceniamo da Don Rafa con sopa tarascana e pescado blanco specialità locali.  

 

Mexico 2009 027.jpg (2324021 byte)    Mexico 2009 029.jpg (1748874 byte)    Mexico 2009 031.jpg (2158359 byte)    Mexico 2009 044.jpg (1452496 byte)    Mexico 2009 046.jpg (2315162 byte)    

 

 

28-7-09

Dopo colazione al mercato in plaza chica, andiamo al terminal per prendere un bus (8 m$) per Tzintzuntzan l'antica capitale della civiltà tarascana anche se prima della colonizzazione spagnola gli abitanti di Pátcuaro erano purépechas. In circa 45 minuti si arriva scendendo all'entrata del paese e poco distante dalle rovine archeologiche. Ci incamminiamo fino alla biglietteria (41 m$) per vedere la piattaforma e 5 yacatas o piattaforme su cui sorgevano i templi. Ci sono altre rovine del palacio e di edificios laterali. Dalla collina si ha una bella vista del lago e del paese sottostante.

Mexico 2009 057.jpg (2830499 byte)    Mexico 2009 059.jpg (2245764 byte)    Mexico 2009 061.jpg (2608694 byte)    Mexico 2009 063.jpg (2704070 byte)    Mexico 2009 069.jpg (2435502 byte)

 

Le rovine sono tenute bene ma non sono straordinarie, tuttavia l'importanza di questo sito merita una loro visita.

Il paese di Tzintzuntzan è tutto un susseguirsi di negozi e bancarelle di artigianato. Da vedere anche il monastero francescano con un cortile fatto di ulivi tra i più antichi d'America che si dice siano stati fatti piantare da Vasco de Quiroga.

Mexico 2009 070.jpg (2722213 byte)    Mexico 2009 071.jpg (2657489 byte)

 

Da Tzintzuntzan andiamo con un collettivo a Quiroga un paesino vicino (5 m$) molto vivace con tante bancarelle d'artigianato e per mangiare con una piazzettina carina.

Mexico 2009 072.jpg (2435295 byte)    Mexico 2009 074.jpg (2074176 byte)    Mexico 2009 078.jpg (1986086 byte)    Mexico 2009 079.jpg (1807639 byte)

 

Da Quiroga torniamo a Patzcuaro ma scendiamo all'incrocio per il Muelle o molo da dove ci si imbarca per le isole sul lago tra cui la più famosa Janitzio. All'imbarcadero ci sono decine di ristorantini che offrono tutti o quasi il medesimo menu composto da sope e pescado cucinato in 2-3 modi diversi. Non andiamo a Janitzio a causa del cielo che non promette nulla di buono quindi torniamo in città in collettivo.

Mexico 2009 080.jpg (2267710 byte)    Mexico 2009 081.jpg (2105124 byte)    Mexico 2009 082.jpg (2409474 byte)    Mexico 2009 083.jpg (2276520 byte)

 

Il tempo in questa regione è fresco e la sera il cielo si copre un po' piovendo leggero...Consiglio un maglioncino ma senza esagerare...

Questa sera è più fresco del solito per questo ceniamo prima anche perchè domattina lasceremo Patzcuaro e l'interno del Messico per raggiungere la costa sul Pacifico.

Mangiamo tacos alle bancarelle del mercato in plaza chica.

Alle 20.30 siamo già in camera, domani sveglia presto.

 

29-07-09

Lasciamo Patzcuaro per la costa.

Primo bus (45 m$) per Uruapan capitale mondiale dell'aguacate (avocado) e seconda città del Michoacán, arriviamo dopo un'ora e mezza alle 10. Appena scesi risaliamo su un altro bus (240 m$) con destino finale Colima. Con questo bus eviteremo Lazaro Cardenas tagliando obliquamente lo stato sbucando a La Placita poco più a nord di Maruata.

Sarà un viaggio di ben 8 ore lungo una strada a volte impervia con tratti a tornanti e frequenti soste. Passeremo per Nueva Italia, Apatzián, Tecalcatepec, Coalcoman e Aquila.

Inizia a far caldo, i finestrini del bus aperti e gli occhi che si chiudono spesso...

Arriviamo a La Placita un paesino sulla carretera alle 18.30, dopo 15 minuti passa un bus per Lazaro Cardenas che si fermerà a Maruata (28 m$). Siamo stanchi e abbracciati dal caldo umido della costa mentre il Pacifico è lì a due passi...

Dopo un'oretta scendiamo al bivio per Maruata. Seguendo un ragazzo spagnolo qui da 4 giorni ci facciamo consigliare una cabaña sulla spiaggia vicino a dov'è accampato lui in tenda.

La spiaggia è lunga e curva e sulla destra un'isoletta rocciosa e un promontorio con altre capanne. Ci sono tettoie sotto alle quali ci sono tende e tavolini.

Direttamente in spiaggia la nostra stanza con 2 letti matrimoniali ci viene conteggiata per 200 m$, un ventilatore e una lampadina. Il bagno, si fa per dire, è in comune mentre per l'acqua della doccia si usa un secchio da un grosso bidone.

Mexico 2009 087.jpg (2334804 byte)

 

Il posto è molto tranquillo e la cena in uno dei comedores sotto le enramadas  sancisce la fine della giornata in maniera divina, camarones a la diabla e all'aglio e soprattutto pace fatta di stelle, onde che si infrangono a pochi metri dal tavolo e la brezza dell'oceano...  

Mexico 2009 089.jpg (2313627 byte)

 

30-07-09

Giornata interamente dedicata al relax e a passeggiate sulla spiaggia di Maruata. La stradina dietro la spiaggia ha due o tre abarrotes dove comprare biscotti e acqua, si può fare una piccola spesa. Noi siamo sulla spiaggia più a sud, quella più grande e balneabile. L'acqua è calda e l'onda alta non impedisce di entrare in mare ma è divertente e abbastanza sicuro.

Oltrepassato il primo cerro inizia una serie di spettacolari spiaggette incastrate tra le rocce. Saliamo sui piccoli promontori per scattare fotografie fatte di cielo e mare azzurro e spume bianche sugli scogli. In fondo un'altra spiaggia dove fare il bagno diventa muy peligroso e tutta una serie di enramadas dimenticate...

Mexico 2009 092.jpg (2733945 byte)    Mexico 2009 096.jpg (2569017 byte)    Mexico 2009 098.jpg (2765197 byte)    Mexico 2009 102.jpg (2673388 byte)    Mexico 2009 103.jpg (2732919 byte)    Mexico 2009 106.jpg (2790122 byte)

 

Mexico 2009 109.jpg (2460717 byte)    Mexico 2009 114.jpg (2744022 byte)    Mexico 2009 123.jpg (2313854 byte)    Mexico 2009 125.jpg (2502381 byte)    Mexico 2009 128.jpg (2620829 byte)    Mexico 2009 132.jpg (2856689 byte)

 

Maruata è anche un luogo dove vengono a deporre le uova le tartarughe marine, i pellicani che tutto il giorno si buttano in picchiata in mare e l'indolenza contagiosa che si impossessa di tutto...

Ceniamo sotto un'enramada langosta (150) y camarones (100), agua de piña y cerveza.

 

31-07-09

Ci alziamo presto alle 7 ma aspettiamo quasi le 9 per salire su un bus che ci porti a Lazaro Cardenas (50 m$).

Mexico 2009 144.jpg (2517836 byte)    Mexico 2009 140.jpg (2478219 byte)

 

Il tempo oggi non è bello come ieri, c'è una forte umidità con minaccia di pioggia da un momento all'altro. La strada litorale è con molte curve e spesso ci sono spiagge ben segnalate e scorci da fotografare. Questo litorale michoacano è un susseguirsi di spiagge e cale incastonate tra palmeti e rocce mentre il mare azzurro ha onde importanti adatte al surf.

Noto diversi check point della polizia federale, spesso in camionette e pick up, mitra puntati e in divisa mitare con passamontagna. Sembra che il Michoacán abbia subito un'impennata nel traffico di droga che ha causato un aumento degli scontri con la polizia e diversi morti.

Arriviamo nella caotica Lazaro Cardenas dopo ben 3 ore, è mezzogiorno e alle 13.30 ripartiremo per Zihuatanejo con un bus della Estrella Blanca (49 m$).

Dallo stato del Michoacán passiamo quindi in quello di Guerrero passando il ponte sul rio Balsa, il fiume più grande del Messico.

Dopo un paio d'ore siamo al terminal centrale di Zihuatanejo, quello della 'estrella blanca'.

In Messico Zihuatanejo è sempre associata a Ixtapa che è la sorella vicina concepita per il turismo internazionale in cui si trovano i più grandi hotels e resorts.

Con un collettivo preso dal lato opposto della highway (5 m$) arriviamo al mercado da dove proseguiamo infine a piedi fino al paseo de las salinas dove c'è il Rincon del Viajero che abbiamo scelto seguendo il consiglio della guida Lonely Planet. La camera doppia con bagno e ventilatore costa 300 m$, la colazione 15 m$. Mali è una surfer-artista originaria di Zihua che gestisce questa guest house arredata e dipinta da lei.  

Mexico 2009 148.jpg (2714899 byte)

Passeggiamo un po' per le strade centrali della città che è piuttosto piccola e tipicamente di villeggiatura balneare con tanti vacanzieri messicani in questa stagione.

Mangiamo qualcosa al "Tamales y Atoles Any" un bel locale turistico messicano con tanti piatti tipici guerrerensi come il pozole e i tamales.

Zihuatanejo è una cittadina turistica su un'ampia baia con almeno 4 spiagge. Dalla playa municipal con una passeggiata panoramica si arriva fino a playa Madera. A piedi lungo la ripida strada asfaltata infine scendendo arriviamo a playa Ropa una spiaggia di sabbia bianca, turistica ma bella e bordata di palme con diverse villas ben integrate tra la folta vegetazione tropicale. Diversi sono i ristorantini sulla spiaggia naturalmente dove si potranno gustare piatti a base di pesce e frutti di mare freschissimi.

Infine più a sud playa Las Gatas che vediamo da lontano e che si raggiunge in traghetto dal molo di Zihuatanejo (35 m$ a-r) ma penso si possa raggiungere anche a piedi...

 

01-08-09

Oggi giornata di perplessità riguardo il da farsi. Vorremmo stare un po' in spiaggia ma non sappiamo cosa scegliere e poi il tempo anche oggi è umido e coperto con foschia che non aiuta a decidere. Dopo colazione (nescafè, pane e marmellata e papaya) lasciamo Mali e suo Rincon del Viajero, tra Isla Ixtapa e Barra de Potosí scegliamo quest'ultimo, un villaggio a circa 15 km a sud. A piedi andiamo in zona mercato (come al solito luogo di riferimento per le partenze dei trasporti locali) da dove partono diversi collettivi e bus per paesi nei dintorni di Zihua. Prendiamo un bus per Petatlán anche se noi scenderemo poco dopo l'aeroporto a qualche km a sud sulla strada per Acapulco. Al bivio di Achotes aspettiamo un camion (10 m$) che ci porterà a Barra de Potosí.

Dopo circa 15 minuti arriviamo alla spiaggia appena al di là di una fila di palme.

Mexico 2009 150.jpg (2377853 byte)

 

Ci sono tanti semplici ristoranti sotto le enramadas che servono i soliti piatti di pesce, gamberi, ceviche, tiritas (pezzettini di pesce crudo marinato nel lime), guacamole e cerveza...

Amache appese all'ombra e nella ventilata 'tarde mexicana' nessuna voglia di pensare e fare...  

Mexico 2009 151.jpg (1852746 byte)    Mexico 2009 156.jpg (2084271 byte)        Mexico 2009 155.jpg (2473211 byte)

 

 

Gli zaini a terra fino a quando non sappiamo e intanto il cielo diventa azzurro...siesta, assoluta siesta...

Oggi è sabato e molti sono coloro che passano la giornata al mare, riposando e mangiando approfittando della giornata festiva per stare in gruppo con la famiglia o gli amici, ai messicani piace divertirsi in compagnia. La spiaggia e il mare non sono nulla di eccezionale ma questo luogo rappresenta bene la tipica località di mare nel fine settimana messicano. Nella vicina laguna si possono fare escursioni in lancia ( 150 m$ per 45') o in kayak noleggiati in spiaggia.

Mexico 2009 159.jpg (2290226 byte)    Mexico 2009 153.jpg (2302066 byte)

 

Mexico 2009 161.jpg (2545080 byte)    Mexico 2009 162.jpg (2435028 byte)    Mexico 2009 163.jpg (2492488 byte)    Mexico 2009 165.jpg (2228207 byte)

 

Verso le 17 decidiamo di proseguire in direzione Acapulco anche se preferiamo passare la notte al mare in qualche struttura sulla costa. Forse Papanoa fa al caso nostro. Torniamo ad Achotes (10 m$) poi bus per Petatlán (10 m$) dove aspettiamo in stazione dei bus un altro mezzo per Papanoa (19 m$). Scenderemo a Cayaquitos una playa poco dopo Papanoa quando sono le 8 di sera. Lo scenario è bello, una lunga selvaggia spiaggia battuta dalle onde. Nuvole d'acqua come nebbiolina che invadono l'orilla del mar mentre il tramonto avviene come sfondo a questo spettacolo...

Mexico 2009 170.jpg (1688424 byte)    Mexico 2009 178.jpg (2524509 byte)

 

Appena scesi c'è un grande hotel sul promontorio, ma noi scendiamo e in spiaggia chiediamo al primo ristorante sulla destra che ha anche camere. Costa 300 m$ passare una notte qui, il ventilatore ha effetto solo nel provocare rumore mentre l'aria condizionata ruggisce a vuoto...

Alle nove siamo già a letto, in lontananza le forti onde del Pacifico...

 

02-08-09

Quando ci svegliamo scopriamo quanto sia splendido stare su questa spiaggia in questa bella giornata di sole. Cerchiamo un'alternativa dove fare colazione così a piedi risaliamo verso la strada e scendiamo quasi subito all'insegna del ristorante Monserrat. Scopriamo così la spiaggia successiva a Cayaquitos, playa "Ojo de Agua", alcuni ristorantini e il più grande hotel Monserrat che ha una grande palapa e una piscina tra le palme. Per colazione pan tostado, marmellata, burro, jugo de naranja, huevos con jamon e cafè con leche (105 m$).

Se da qui continueremo per Acapulco la partenza sarà solo quando ne avremo abbastanza di sole e bagni, di rilassamento e siesta sull'amaca...

Ogni tanto un bel bagno che si rivela divertente anche se un po' stancante per via delle continue onde che impediscono di nuotare bene.

Arrivano pick-up carichi per pic nic in famiglia o con gli amici e di domenica è d'obbligo oziare in spiaggia.

Attenzione al sole che picchia forte nonostante il cielo un po' velato.

Quando sono le 17.30 doccia e via di nuovo, prima con camioncino per tornare a Papanoa (5 m$), poi con bus 'estrella de oro' (78 m$) per Acapulco che arriva poco prima delle 18. Il bus è pieno, stiamo in piedi ma via via alcuni scendono alle fermate intermedie lasciando posto a sedere. Il paesaggio è un susseguirsi di palme, platani e lagune a ridosso del mare.

Dopo 3 ore entriamo in Acapulco, è scuro fuori ma le luci di questa mitica città e della sua baia illuminano le calles e la lunga avenida Costera dove passiamo fino al terminal della Estrella de Oro vicinissima al Parque Papagayo. In taxi ci facciamo portare nella città vecchia che ha lo zocalo come piazza principale. Scegliamo di andare all'Hotel Misión in calle Felipe El Valle e non sbagliamo. L'hotel è in una deliziosa casa coloniale con un patio interno tranquillissimo e fresco dominato da un grande albero di mango e tante altre piante e vasi.

Mexico 2009 199.jpg (2337928 byte)

 

La camera al primo piano è molto carina, larghissimo letto matrimoniale, un letto singolo, divano e panca, un grande specchio e il bagno pulito e di gran gusto...

Il prezzo è di 400 m$.

Mangiamo qualcosa al vicino La Gran Torta, comida corrida buona ed economica.

 

03-08-09

Oggi staremo ad Acapulco per godere delle sue spiagge e del suo unico panorama.

Facciamo un'abbondante colazione al 100% Natural, un ristorante dell'omonima catena che serve piatti tradizionali e internazionali seguendo una filosofia salutista e quindi ingredienti naturali e sani.

Giriamo dapprima per lo zocalo e per la Costera, tanti forse troppi locali turistici ma le spiagge che si susseguono una dopo l'altra fino alla base navale sono ben tenute, l'acqua sembra pulita e tutto è dedicato al turista.

Molti grossi alberghi e la cornice di palme appena dietro la spiaggia rendono questa baia da cartolina.

Mexico 2009 196.jpg (2129544 byte)    Mexico 2009 188.jpg (1658746 byte)    Mexico 2009 201.jpg (2517396 byte)

 

Lasceremo l'hotel per stare una notte ancora ad Acapulco ospiti della mia amica Montse che vive vicino allo zocalo.

Con i mezzi locali (5 m$) andiamo fino in fondo alla baia, verso la spiaggia di Icacos e la base navale. Passiamo grandi e moderni hotel che sono grattacieli ma anche splendidi locali di intrattenimento e bar-ristoranti in stile tropicale direttamente sulla spiaggia.

Ci sono tutti i più famosi locali di stampo statunitense come l'hard rock cafè, il planet hollywood, il fiesta americana e tanti altri ristoranti e alberghi delle più grandi catene internazionali.

Scendiamo alla base navale e a un'altra fermata del bus ne aspettiamo uno per Puerto Marqués, un villaggio poco più a sud superato il promontorio e che si apre sull'omonima baia e spiaggia. Il panorama dal bus è eccezionale unico al mondo.

Mexico 2009 203.jpg (2549552 byte)    Mexico 2009 205.jpg (2480436 byte)    Mexico 2009 208.jpg (2526869 byte)

 

Stiamo un'oretta in spiaggia sotto una tettoia pagando 50 m$, molti ambulanti che vendono un po' di tutto dalla frutta al tamarindo,oggetti d'artigianato, ceviche, gelati e tutto quello che gli ambulanti vendono...

Tornando verso Acapulco, con un bus ci facciamo lasciare al bivio per l'universidad Loyola e il Jardin Botanico sulla collina a sud della baia poco distante dall'hotel Las Brisas e dalla Capilla de la Paz. A piedi saliamo per 500 metri, la strada è molto ripida.

Entriamo al giardino seguendo un sentiero a sinistra dell'università. Non c'è nessuno, continuiamo leggendo tavole esplicative e cartellini che identificano ogni specie di pianta o albero. Il giardino è interessante con piante tropicali e subtropicali provenienti da tutto il mondo.

Mexico 2009 212.jpg (2407562 byte)    Mexico 2009 213.jpg (2439894 byte)    Mexico 2009 215.jpg (2472956 byte)    Mexico 2009 219.jpg (2336867 byte)    Mexico 2009 222.jpg (2303516 byte)    Mexico 2009 223.jpg (2623507 byte)    Mexico 2009 224.jpg (2265429 byte)    Mexico 2009 225.jpg (2310074 byte)

 

Mexico 2009 227.jpg (1860985 byte)    Mexico 2009 228.jpg (2211542 byte)    Mexico 2009 229.jpg (2409603 byte)    Mexico 2009 230.jpg (2283884 byte)    Mexico 2009 231.jpg (2341005 byte)

 

Torniamo alla base navale con un taxi compartido.

Quando arriviamo in hotel per riprendere i bagagli troviamo la mia amica Montse ad attenderci.

Passeremo con lei la serata a casa sua dopo essere stati a La Quebrada, probabilmente il sito più famoso di Acapulco. La Quebrada è dove si tuffano i clavadistas, tuffatori temerari che si lanciano dalla costa in una gola appunto, la quebrada.

Da qui il tramonto è fantastico!

Mexico 2009 234.jpg (2748509 byte)    Mexico 2009 235.jpg (2558860 byte)    Mexico 2009 239.jpg (2327779 byte)    Mexico 2009 242.jpg (2233294 byte)

 

04-08-09

Dopo una grossa e buona colazione messicana a casa di Montse con chilaquiles, huevos con chorizo, tortillas e caffè, siamo tutti pronti per iniziare un'altra giornata ad Acapulco. Per prima cosa andiamo al terminal dei bus della Estrella Blanca in avenida Ejido per comprare i biglietti dell'autobus per Puerto Escondido. Partiremo alle 23, 7 ore di viaggio, 303 m$.

Mexico 2009 248.jpg (2502417 byte)

 

Riempiamo la giornata visitando il Fuerte de San Diego poco distante dallo Zocalo e a cui si accede sia da un'entrata sulla Costera che da un'entrata più interna. La fortezza costruita nel xvi secolo dagli spagnoli come misura difensiva dagli attacchi dal mare ad opera di pirati e corsari. L'entrata costa 41 m$, le diverse sale spiegano bene la storia e le funzioni di questa costruzione a pianta pentagonale; in particolare viene sottolineata molto l'epoca in cui la Nao de China o Galeone di Manila effettuava il viaggio per le Filippine. Le relazioni con l'Asia e l'Oriente per la Spagna avvenivano da Acapulco.

Continuiamo il tour di Acapulco camminando sulla Costera, trafficato malecón che unisce l'ampia baia di Acapulco dal ovest a est.

In bus, che segna sul vetro "Hornos" e "Caleta" andiamo fino alle spiagge Caleta e Caletilla che sono piene zeppe di bagnanti. Proprio di fronte l'isola di La Roqueta che decidiamo di raggiungere con un battello che in pochi minuti e 40 m$ fa la spola da playa Caleta.

A La Roqueta la spiaggia è piuttosto affollata decidiamo pertanto di cercare un angolino tranquillo. Ci consigliano un paio di spiagge, scegliamo playa Marin che è più vicina.

La spiaggetta è microscopica con l'acqua trasparente verde, le onde leggere con cui giocare e la sabbia fatta di granelli di conchiglie...bellissimo angolino tra le rocce.

Torniamo indietro con un battello, sono le 17 e il biglietto vale per l'andata e il ritorno.

A Caleta altro bus, scendiamo al bivio per playa La Angosta, una spiaggetta a pochi metri da La Quebrada ma qui l'acqua è decisamente sporca.

Grigliata a casa di Montse, poi al terminal dei bus per le 22.30 in attesa della partenza per Puerto Escondido nello stato di Oaxaca.

 

05-08-09

8 ore di viaggio e alle 7.30 siamo al terminal dei bus di Puerto Escondido.

Difficile dormire sull'autobus che come al solito in quelli di prima classe c'è l'aria condizionata spinta al massimo, per questo portatevi un maglione o addirittura una coperta...non sto scherzando, eh!

La central camionera è a nord della cittadina, è presto e scendiamo a piedi fin giù alla baia principale e all'avenida Perez Gazsga. Per me è la quarta volta che visito Puerto Escondido e dall'ultima volta nove anni fa noto già sensibili cambiamenti.

Sempre a piedi oltrepassiamo il ponte poco a sud del crucero infine prendiamo la prima traversa a destra che conduce a playa Marinero. Conosco un hotel, il Flor de Maria, che mi piace e a mio parere riassume tanti elementi indispensabili per un soggiorno al mare. Nonostante non venga segnalato dalla guida Lonely Planet, questo hotel che conosco dal '98 è delizioso, piscina sulla terrazza e a pochi passi da playa Marinero. Le camere semplici e pulite hanno tutte il bagno mentre i prezzi variano a seconda del piano e della vista. Noi ne prendiamo una (n° 3) al pian terreno dal costo di 450 m$.

Passiamo interamente la giornata al mare, passeggiamo, mangiamo e tanto sole in spiaggia Zicatela dove però è sconsigliato fare il bagno, le onde e le correnti in profondità sono fortissime.

Ceniamo al Sabor a Mar, un ristorantino turistico a playa Marinero proprio vicino le rocce che dividono questa spiaggia da Zicatela.

 

06-08-09

Giornata piena a Puerto Escondido che è cambiata molto in questi 11 anni da quando la visitai per la prima volta.

Facciamo colazione (inclusa) in albergo con pan tostado, marmellata burro e caffè poi andiamo in città al mercato dove oltre a comedores e bancarelle di frutta verdura, pesce e altri generi alimentari ha anche una parte dedicata all'artesania.

Ci informiamo anche sugli orari di partenza dei bus per Oaxaca. La stazione dei bus (central camionera) è su oltre la calle 9 norte proprio accanto all'aereoporto.

Scendendo andiamo prima alla playa Manzanillo, nella baia di Puerto Angelito, molto bella con alcune rocce sulla sabbia a dividere questa spiaggia abbastanza affollata, poi sempre a piedi andiamo a playa Carrizalillo che raggiungiamo in trenta minuti. Il panorama è splendido dall'alto prima di scendere la scalinata che porta alla spiaggia. Non è larghissima ma è tutta immersa nella vegetazione verdissima e fare il bagno è divertente per via del continuo dondolio delle onde.

Ci sono ristoranti di pesce che non fanno pagare l'ombrellone se si consuma da loro.

Cammimando per playa Manzanillo faccio la cavolata di raccogliere e addentare un frutto verde, come un pomodoro verde piccolo oppure una mela verde acerba. Succhio un po' dalla poca polpa zuccherina...

Passerò il resto della giornata con la bocca ustionata, bruciore e calore come se avessi mangiato pepe e soprattutto la sensazione che questo effetto non sparisca più.

Per fortuna in serata il bruciore si attenua ma è come se avessi la lingua intorpidita semi anestetizzata.

Ceniamo bene al bel ristorante La Hacienda sotto un'enorme palapa che si trova in città in avenida Oaxaca circa a livello della 4 norte...

 

07-08-09

Decidiamo di partire perchè è una brutta giornata, inutile stare al mare per questo pensiamo di anticipare il viaggio a Oaxaca.

Dall'hotel Luz de el Angel in avenida Oaxaca partono dei minibus per Oaxaca dalle 6.00 ogni 2 ore per 150 pesos, il viaggio dovrebbe durare 5 ore facendo la strada via Sola de Vega.

Partiamo alle 12 arriviamo alle 18.30, più di sei ore di viaggio.

Cerchiamo un hotel incamminandoci per le strade coloniali e trafficate di Oaxaca passando vicino ai mercati, poi su per lo zocalo, infine entriamo nell'hotel Oaxaca Calli in avenida Carranza all'angolo con P. Diaz. La camera con 2 letti grandi, tv e bagno incluso costa 650 m$ ma siamo in una zona molto bella e centrale e a poca distanza da Santo Domingo.

Tuttavia il costo è sproporzionato, domani cambieremo senz'altro con un hotel mas barato.

Un breve giro, poi al mercato dove mangiamo enchilada al banco di un comedor.

Lo zócalo è affollato con tutti i tavoli dei ristoranti sotto ai portales occupati mentre i bambini giocano con palloncini a forma di lunghi tubi pieni d'aria che volteggiano davanti alla cattedrale. Venditori indigeni ma non insistenti hanno centinaia di collane e braccialetti colorati, coperte, huipiles, generi alimentari.

Mariachi, giocolieri, suonatori peruviani, la piazza è viva e molto colorita...

 

08-08-09

Facciamo i bagagli destinazione calle Mina e l'hotel La Cabaña che ieri sera abbiamo scelto per cambiare hotel.

In questo hotel una habitación para dos personas con una cama e baño privado costa solo 180 m$. La cameretta è semplicissima ma pulita (secondo Flavia però la cameretta è spartana, semplice ma non propriamente pulita, avendo trovato il wc sporco e senza tavoletta...Inoltre manca una tenda all'unica finestra e di notte penetra la luce al neon dal corridoio...).

Con un bus (9 M$) preso per strada vicino al mercado de abastos arriviamo a San Juanito una colonia (frazione) di Oaxaca. Da un bivio tutto in salita abbiamo proseguito tutto a piedi fino a Monte Albán.

Per Monte Albán, il biglietto d'entrata costa 51 m$. Le rovine archeologiche sono patrimonio dell'Umanità dal 1985.

Capitale zapoteca dal V secolo a.c. Al VIII secolo d.c. Monte Albán è un sito straordinario, riferimento assoluto in questa regione dopo Teotihuacán a nord e Chichén Itza a sud. Straordinarie le vedute in cima alla piattaforma sud ma visitate tutto il sito  senza correre...

Torniamo a Oaxaca in autostop e dedichiamo il pomeriggio a visitare questa bellissima città e per acquistare ricordi dell'artigianato locale.

Prima però andiamo alla vicina Cuilapán dove c'è il bellissimo convento dominicano ora monumento nazionale. Da calle Bustamante non vediamo i bus per Zaachila che fermano proprio davanti al convento e allora prendiamo un taxi (45 m$) mentre il ritorno è con un bus (8 m$).

Oaxaca è ora una città dedita al turismo anche se mantiene viva e molto forte la sua anima indigena conservando tradizioni antiche provenienti da tutta l'area.

Lo Zócalo o plaza Mayor è splendido mentre il paseo che conduce a Santo Domingo è il delizioso preludio a una stupenda piazza con tante piante diverse di agave bellissime.

Sull'artigianato locale e i prodotti tipici di Oaxaca posso elencare la ceramica nera di San Bartolo Coyótepec, la ceramica verde di Santa Maria Atzompa, gli alebrijes che sono animaletti coloratisssimi di legno tipici di Arrazola, gli huipiles vestiti ricamati, il cioccolato venduto a barrette e stecche aromatizzato alla cannella, caffè, mandorle, vaniglia, mole negro o rosso che è una pasta per preparare l'omonima salsa tipica di Oaxaca dall'intenso sapore (mi ha ricordato qualche curry indiano...) e poi il mezcal e il gusano, liquori distillati e ricavati dal cuore del maguey che è il nome dell'agave locale. In particolare il tipo gusano è aromatizzato con un vermicello che è anche contenuto sul fondo, ormai morto sorridente alcolizzato...Da provare sia il mezcal che il gusano!

In serata andiamo alla central camionera dei bus di 1 classe per comprare i biglietti per San Cristobal de Las Casas in chiapas. Viaggeremo di notte e quindi per qualche pesos in più prenderemo un bus della ado Gl (servizio lujo) che partirà alle 20 e che costa 490 m$. (i bus della ado prima classe costano 408 pesos, quelli della "uno" costano 690 pesos con servizio super lusso)

 

09-08-09

Dalla central camionera dei bus di 2 classe prendiamo un bus per Tlacolula (12 m$) a 34 km da Oaxaca lungo la strada a est che porta verso l'Istmo del Messico. Oggi, domenica, c'è il mercato locale a Tlacolula. Davvero grande e coloratissimo, indigeni dei paesi circostanti che vengono a vendere i loro prodotti orto-frutticoli ma anche vestiti, amache, tappeti e le immancabili chapulines, le cavallette con sale e limone che vengono tanto apprezzate in questa regione.

Si trova di tutto, da provare le quesadillas per strada con tortillas fatte a mano, le memelas sempre tortillas ma aperte con frijoles e queso, il pulque "la bevanda degli dei" ricavata dal maguey, il quesillo di Oaxaca, un formaggio tipo la mozzarella, papaya, ananas e angurie e poi aguacates (avocadi) verdi e neri...

Da Tlacolula continuiamo sempre in bus (6 m$) per Mitla per visitare le rovine archeologiche. Sono circa 15 km e 20 minuti di bus. L'entrata al sito costa 37 m$. Mitla come Monte Albán fu un'importante sito zapoteco influenzato fortemente dalla cultura mixteca. Le rovine sono tutte intorno alla chiesa di San Pablo con le sue cupole rosse e sono facilmente visitabili in meno di un'ora. Bellissimi i fregi e le greche sugli edifici rimasti..

Torniamo indietro non prima di farci lasciare al bivio per El Tule, probabilmente l'albero dal tronco più grande e forse il più vecchio del mondo.

Facciamo ritorno a Oaxaca in taxi compartido (8 m$).

Partiamo puntuali alle 20 per San Cristobál de Las Casas. Bus comodo con servizio di prima classe. Speriamo di dormire...tappi pronti, maglione anche...

 

10-08-09

Alle 5.15 siamo a Tuxtla Gutierrez, molti passeggeri scendono...

Arriviamo a San Cristobal alle 6.30, un'ora e mezza in anticipo rispetto alle previste 12 ore di viaggio.

A piedi ci incamminiamo verso il centro lungo Insurgentes poi deviamo a destra all'indicazione dell'hotel Isabela che tuttavia è pieno e si libererà solo verso le 10, quindi continuiamo trovando il b&b Le Gite del Sol la cui camera con 2 letti e bagno costa 300 m$ con inclusa la colazione. La camera non è nulla di particolare ma c'è acqua calda.

Giriamo per la città con un centro coloniale ben conservato, una bella cattedrale, un paio di vie pedonali con locali turistici e agenzie di viaggio dove organizzare escursioni in Chiapas e non solo...

Poco distante c'è la bella piazzetta de Los Mexicanos e la celeste chiesa.

Girando per il mercato a nord della città si entra nella dimensione più indigena di San Cristobál. Si vende di tutto, cose per la casa, vestiti, dvd e cd musicali, generi alimentari di tutte le varietà, frutta di tutti i tipi, carne ma anche polli che vengono venduti da persone per strada ma soprattutto tanti indigeni dei paesi vicini vestiti nei loro abiti tradizionali a volte molto sgargianti come quelli di Zinacantán o Tenejapa. Si possono fare foto ma spesso specialmente le donne si girano contrariate...

Il mercato continua anche all'interno  con un settore coperto dove si vende anche pesce fresco arrivato dalla costa del Pacifico. Alcune bancarelle vendono hormigas fritte, grosse formiche fritte! Ne assaggio una, è buona, croccante al punto giusto!

La bella chiesa di Santo Domingo è da vedere tutta circondata da venditori di oggetti di artigianato coloratissimi..

Poi l'Iglesia de Guadalupe e il cerro de San Cristobál e l'Iglesia omonima.

Da queste chiese si ha un bel panorama della città, il mio consiglio è di andare prima alla chiesa di San Cristobal e lasciare per l'ora del tramonto la chiesa de La Virgen de Guadalupe. Entrambe le chiese si raggiungono con lunghe scalinate che a questa quota si fanno sentire...

Ceniamo in calle MA Flores al ristorantino Las Orquideas. Mangiamo bene, sopas e carne a la plancha con frijoles.

 

11-08-09

Dopo colazione fatta in hotel, andiamo a Zinacantán un villaggio tzotzil a pochi km da San Cristobál con un bus collettivo (12 m$) che prendiamo poco più su del mercato. Impieghiamo poco, meno di mezz'ora per arrivare.

Dai 2150 metri di San Cristobál passiamo a 2500 metri di quota. Non fa freddo ma fresco sì e la gente è ben coperta.

Oggi qui a Zinacantán è l'ultimo giorno della fiesta di San Lorenzo. Assistiamo alla cerimonia tipica indigena davanti alla chiesa. Magica atmosfera religiosa con riti antichi da parte delle autorità religiose del paese vestiti con gli abiti tradizionali. Facciamo un po' di foto ma sempre con discrezione senza essere troppo vistosi...

Torniamo quindi a San Cristóbal sempre con un collettivo.

In taxi fino al terminal della Aexa, compriamo i biglietti per il bus di classe primera economica che parte alle 11.50. Con la Ado si spende il doppio e si gela di più.

Saranno 5 ore di viaggio passando per Ocosingo. Il paesaggio è semplicemente splendido.

Quando sono le 17 siamo a Palenque dopo 5 ore di viaggio spesso con curve e tornanti ma sempre immersi nel verde Chiapas.

Il terminal della Aexa è piccolino, a fianco quello della Ado e Occ.

Con un combi (10 m$) prendiamo la strada per le rovine scendiamo esattamente a "El Panchan", una zona tutta immersa nella selva a 3 km dall'entrata alle rovine maya e a 4 km da Palenque città. Appena prima dell'entrata al parque di Palenque da non confondere con l'entrata alle rovine archeologiche (l'entrata costa 21 m$), scendiamo davanti le indicazioni per diverse sistemazioni economiche con cabañas e camerate-dormitori sotto a palapas.

Tutto dentro la jungla lungo un sentiero passando per strutture a bungalows e camping, ristoranti e infine al Margarita y Ed dove ci fermiamo. Prendiamo una camera in muratura con 2 letti, ventola e bagno per 260 m$. Il posto è molto bello, soprattutto perchè si vive l'essenza del luogo senza ricordare la civiltà appena più distante...

Ceniamo al ristorante Don Mucho un bel locale sotto una grande palapa che sembra radunare tutti i viaggiatori che soggiornano a El Pachan. C'è buona musica dal vivo e il menú è ricco con piatti messicani e italiani (pizza, pasta...).

 

12-08-09

Dopo una colazione veloce al vicino Elementos Naturales un camping subito dopo aver passato la sbarra e pagato l'entrata al Parque di Palenque (22 m$) prendiamo un combi per recarci alle rovine maya. Tutti i collettivi che vanno avanti e indietro dal paese alle rovine costano 10 pesos anche se si scende subito.

L'entrata alle rovine di Palenque costa 51 pesos. Il sito è patrimonio dell'Unesco. Sono le 9, l'entrata apre alle 8 e c'è già un bel gruppo di turisti. Molte guide ufficiali e non offrono il loro servizio accompagnando chi desidera spiegazioni accurate sulla storia di questa importante città maya.

Appena si entra appare sulla destra l'immagine simbolo di questo sito, il Tempio delle Iscrizioni (templo de Las Iscripciones) la piramide tempio che custodisce l'urna funeraria di Pakal o "scudo solare" che fu il governatore di Palenque. 

Quando sono le 13 usciamo dalle rovine dopo aver visitato il museo in cui sono custoditi gli ultimi ritrovamenti archeologici e con un'interessante replica della tomba di Pakal che viene visitata a gruppi di 30 persone a orari prefissati.

La stele originale è sempre custodita nella tomba all'interno del tempio delle iscrizioni.

Dal museo con un combi (10 pesos), ma si può tornare anche a piedi, ci fermiamo a mangiare al ristorante Michol sotto una grande palapa. Buono il "molcajete" misto (100 m$), una ciotola di pietra caliente con carne de res (mucca) e pollo, frijoles, queso e nopale (foglie di cactus).

180 pesos con platano fritto, cerveza e agua de piña.

Torniamo a piedi da Margarita y Ed per riprendere i nostri bagagli poi collettivo fino al terminal dei bus della Aexa. Saliamo subito su un bus di seconda classe in partenza per Villahermosa (55 m$), sono le 15.30 e abbiamo di fronte 2 ore abbondanti di viaggio.

Villahermosa è il capoluogo dello stato di Tabasco sul Golfo del Messico. Il Tabasco è uno stato pianneggiante ricchissimo d'acqua per la presenza di paludi e lagune, fiumi e canali che lo rendono attraente per una grande varietà di uccelli e specie acquatiche ma anche la flora che trova un ambiente unico. Il turismo è solo all'inizio...

Dal terminal dei bus attraversiamo la strada (si passa su un ponte pedonale) e prendiamo un taxi (15 m$) per la vicina avenida Madero. Traffico e negozi aperti, marciapiedi affollati di gente a passeggio, hotel economici ma anche più cari e moderni in una calura umida che tuttavia sopportiamo bene.

Dopo aver scartato l'infimo hotel Tabasco, prendiamo alloggio all'hotel Oriente. La nostra camera al quarto piano, letto matrimoniale, bagno, ventola e tv. Pulito, economico (250 m$), centrale.

Giriamo un po', il fiume Grijalva a un isolato di distanza con il malecón e una piattaforma ristoratrice con bar e locali all'aperto.

In calle Reforma la prima traversa a destra uscendo dal nostro hotel c'è il bar ristorante cocktleria Rock and Roll dove si servono quasi esclusivamente piatti a base di pesce. I ceviches e i cockteles di camarones, pulpo, caracoles e ostiones sono le specialità. Da provare anche per l'ambiente vivace...

 

13-08-09

Con un collettivo (5,5 m$) preso in av. Madero vicino al Parque Juarez con l'insegna Frac. Carrizal arriviamo in

Paseo Tabasco vicino al bivio con il viale che a sinistra porta al Museo La Venta. Il biglietto di entrata costa 40 pesos.

Il museo di Villahermosa in realtà è un parco archeologico all'interno di uno zoo con la maggior parte dei reperti archeologici all'aperto.

Il nome La Venta viene dal sito archeologico che dista diversi km a ovest e i reperti sono stati recuperati e spostati quasi tutti a Villahermosa recuperandoli grazie all'intervento di un poeta.

L'epoca di questi resti appartiene a quella olmeca con date che vanno dal IX al IV secolo ac.

Il parco è immerso nella esuberante vegetazione con grandi alberi di ceiba, palma reale, piante di cacao, nanche e altre specie. Tra gli animali, cerbiatti, giaguari, tigrillos, coyotes, coccodrili, tucani, guacamaya, scimmie, tartarughe e altri ancora.

Imponenti e favolose le teste olmeche.

Terminata la visita ritorniamo all'incrocio con il paseo Tabasco riprendendo un collettivo che ci riporta verso il centro o la "zona luz" ed esattamente scendiamo in Plaza de Armas.

Abbiamo intenzione di cambiare nuovamente città. Villahermosa non ha molto da offrire, bisognerebbe avere più tempo per pensare di conoscere meglio la cultura e le tradizioni del Tabasco che credo sia una regione molto interessante. Pensiamo quindi di continuare e proseguire questo viaggio visitando Tlacotálpan nello stato di Veracruz ma non sappiamo se esistono bus per questo paese oppure se quelli per Veracruz si fermino a Cosamaloapan che è la città più importante vicina.

Perchè Tlacotálpan? Ho letto qualcosa su questo paese anni fa, tipico borgo coloniale ai bordi di un fiume, ho la sensazione che meriti una visita perchè lo associo a quei luoghi come dimenticati e per questo meglio conservati, intatti e spesso unici e ancora più belli.

Torniamo in hotel per i bagagli e in taxi (15 m$) fino alla stazione dei bus di prima classe della Ado. Bus per Veracruz ce ne sono ma quelli che fermavano a Cosamaloapan sono già partiti stamattina mentre quello delle 22 è già pieno. Compriamo quindi i biglietti per Veracruz delle ore 13 (386 m$). Se avremo voglia e tempo visiteremo Tlacotálpan in giornata da Veracruz.

Aria condizionata a pieno regime, io come al solito in pantaloncini corti e leggera camicetta scrivo questo diario con una paresi al braccio sinistro e, tutto raggomitolato, stoicamente resisto...

Dopo 5 ore di viaggio ci fermiamo per una breve sosta a un ristorante, il ristorante Cosamaloapan...

Sicuramente siamo vicini a questa città, chiedo al conducente dell'autobus se Tlacotálpan è vicina.

È così!

E così decidiamo di scendere qui anche se non potremmo farlo ma chiudendo un occhio si fa e quindi a piedi a pochi metri da un altro casello autostradale seguiamo l'uscita per metterci ai bordi della strada per Tlacotálpan.

Dopo qualche minuto arriva un bus (26 m$), quello giusto per noi...

Alle otto passate siamo a Tlacotálpan, stanchi ma emozionati davanti alle prime belle case coloniali che vediamo dal finestrino...

Pensiamo di cenare vista l'ora, poi penseremo all'albergo. Andiamo in piazza, lo zocalo, restiamo a bocca aperta...

Forse tra le piazze più belle che abbia visto. Sembra Cuba, ma è Messico, sembra Spagna ma è Mexico...

Non vedo l'ora di vedere con il sole questo paese, stasera siamo stanchi, solo i bar in piazza per un panino e una cerveza, poi a nanna...

Abbiamo scelto l'albergo Casa Blanca...costo della camera matrimoniale 300 pesos.

 

14-08-09

Visitiamo Tlacotálpan e le sue belle vie coloniali, case colorate ben tenute, un piccolo museo alcune piazze tranquille.

Al Casa Blanca prendiamo un cafè poi in giro passeggiando liberamente prima in piazza dove ci sono alcuni bar, poi al mercato piccolino all'interno di un edificio decorato in rosso. È piccola Tlacotálpan non ci si perde e la si visita in un paio d'ore. Il Papaloapan scorre placidamente ormai fiume non più importante per questa città che due secoli fa vedeva arrivare navi anche dall'Europa per caricare lo zucchero prodotto in questa regione.

 

15-08-09

Colazione al gran Cafè La Parroquia. Locale storico di Veracruz per il caffè.

Buon servizio al tavolo e buono il cafè con leche (lechero) anche se i prezzi sono più alti della media.

Con un bus preso in calle Zaragoza (6 m$) diretto a Boca del Rio andiamo fino al malecon o boulevard Camacho dove c'è l'acuario. Poco dopo, all'inizio della spiaggia, ci sono le lance per l'escursione alla barriera corallina davanti a Veracruz passando per l'isola de Los Sacrificios e Cancuncito.

Sono in molti a proporre il giro in lancha, i prezzi variano da 100 pesos in giù, noi troviamo il giro a 80 pesos compresa l'entrata al parque de los arrecifes di Veracruz (23 pesos). Il "recorrido" dura un'ora e mezza.

Dopo un'attesa lunga sperando che arrivi qualcun'altro con noi per riempire un po' la barca iniziamo a stancarci, è quasi un'ora che aspettiamo. Discuto un po' e allora si parte, tutta la lancia solo per noi.

Prima si raggiunge l'isola de Los Sacrificios, un'isoletta molto piccola dove c'è un faro e una caserma (?), qui nell'antichità pare facessero sacrifici umani. Successivamente si raggiunge una zona di barriera corallina che in certi momenti affiora in superficie dando luogo a una specie di banco di sabbia, Cancuncito, una piccola Cancun. Acqua trasparente, fondale di corallo e pesciolini che arrivano cercando qualcoa da mangiare.

Ci si ferma un'ora per nuotare e fare snorkeling, le maschere vengono prestate o noleggiate dai lancheros.

Il ritorno veloce si fa in nemmeno 15 minuti.

Il litorale di Veracruz è piuttosto anonimo con spiagge di sabbia scura e i soliti ristoranti-palapa con tavolini sotto a grandi tendoni. In bus andiamo fino a Boca del Rio passando playa Mocambo ma è tardi per noi, decidiamo pertanto di tornare e riprendere i bagagli.

Con un taxi andiamo alla stazione dei bus di prima classe di Veracruz alla biglietteria della Trv e Adu. Acquistiamo i biglietti del bus per Puebla delle 16.15 a 220 pesos della Adu.

Arriviamo alle 21.15 dopo 2 soste a Cordoba e Orizaba.

Taxi autorizado per 47 pesos verso il centro, esattamente in avenida Reforma 141 all'hotel Provincia Express. Ottimo albergo in una deliziosa casa coloniale con ampi corridoi d'epoca, alti soffitti e una bella facciata. La camera è pulitissima, con bagno, tv, ventola. Il costo è di 500 pesos.

Vista l'ora tarda usciamo subito per mangiare qualcosa. Lo zocalo di Puebla è bellissimo !   

In piazza troviamo un taqueria aperta e con tanta gente, c'è persino da aspettare !

La taqueria Los Angeles. Tacos di tutti i tipi di carne e poi gringas, quesadillas, frijoles charro, cebollitas, carne asada, guacamole, insomma...de todo!

 

16-08-09

Giornata piena a Puebla con visita del Museo Amparo, di Cholula poco distante da Puebla,

 

17-08-09

Partiamo in bus per il terminal dei bus di Puebla dove prendiamo un bus per Mexico City o D.F. o Mexico come viene chiamata Città del Messico.

Il bus costa 100 pesos.

Un paio d'ore e si arriva alla Tapo (terminal dei bus de Oriente).

 

18-08-09

Ultimo giorno in Messico. Visiteremo il Museo di Antropologia FANTASTICO ! L'entrata costa 51 pesos.

Ci vorrebbero diverse ore per vedere ogni sala e bene. Purtroppo noi abbiamo fretta, abbiamo il volo alle 19.00 ma siamo d'accordo per un taxi dall'hotel alle 16.00.

Al Palacio Nacional per i murales di Diego Rivera purtroppo con una parete in fase di restauro, all'entrata bisogna esibire il passaporto...

 

 

 

 

CAMBIO: 1€ = 18,87 m$

   

SPESE

 

Taxi aeroporto Mexico city-zocalo 100

Taxi Mexico city-terminal norte 75

Mexico city-Guanajuato 314

Guanajuato-Irapuato 33

Irapuato-Moroleon 57

Moroleon-Morelia 33

Morelia-Parzcuaro 30

Patzcuaro-Uruapan 45

Uruapan-La Placita 240

La Placita-Maruata 28

Maruata-Lazaro Cárdenas 50

Lazaro Cárdenas-Zihuatanejo 49

Zihuatanejo-Achotes-Barra de Potosí 20

Barra de Potosí-Achotes 10

Achotes-Petatlán 12

Petatlán-Papanoa/Cayaquitos 19

Cayaquitos -Papanoa 5

Papanoa-Acapulco 78

Acapulco taxi 25

Acapulco-Puerto Escondido 303

Puerto Escondido-Oaxaca 150

Oaxaca-Cuilapán 8

Cuilapán-Oaxaca 8

Oaxaca-Tlacolula 12

Tlacolula-Mitla 6

Mitla-crucero x El Tule 14

El Tule-Oaxaca in taxi 8

Oaxaca-San Cristóbal de Las Casas 490

San Cristóbal de L.C.-Zinacantán 12

Zinacantán-San Cristóbal de L.C. 12

San Cristóbal de L.C.-Palenque 80

Palenque-Villahermosa 55

Villahermosa-Veracruz 386

bivio autostrada a Cosamaloapán-Tlacotálpan 26

Tlacotálpan-Alvarado 17

Alvarado-Veracruz 54

Veracruz-Puebla 220

Taxi Puebla 24

Puebla-Mexico City 100

taxi Mexico City aeroporto 70

 

Totale= 2598

 

 

 

Mexico City. Hotel Azores. 160

Guanajuato. Casa Bertha 180

Patzcuaro. Hotel Valmen 125 x 2=250

Maruata. Cabaña 100 x 2=200

Zihuatanejo. Rincon del Viajero 150

Cayaquitos. 150

Acapulco. Hotel Misión 200

Puerto Escondido. Hotel Flor de Maria 225 x 2 = 450

Oaxaca. Hotel Oaxacacalli 325

Oaxaca. Hotel La Cabaña 90

San Cristobal de Las Casas. Posada Le Gite del Sol 150

Palenque. Margarita y Ed cabañas 130

Villahermosa. Hotel Oriente 125

Tlacotálpan. Hotel Casa Blanca 150

Veracruz. Hotel Mallorca 100

Puebla. Hotel Provincia Express 250 x 2 = 500

Mexico City. Hotel Isabel = 185

Totale= 3495 m$ = 185 euro

 

 

Michele

michele@viaggiareliberi.it 

 

Mexico 2009 471.jpg (4261335 byte)

 

 

SPESA TOTALE VIAGGIO  1660 euro

Costo volo aereo: 828 €

Cambiati e prelevati   15744 m$ = 834 €

100 $ (aeroporto D.F.) = 1260 m$

100 $ (Guanajuato) = 1290 m$

200 $ (Acapulco) = 2530 m$

200 $ (Puerto Escondido) = 2544 m$

110 $ (San Cristobal de Las Casas) 1400 m$

150 € (Veracruz) = 2700 m$

624

 

4000 m$ (Patzcuaro)= 212 € (dati a Flavia 1950 m$ = 150$=104 €)

2000 m$ (Oaxaca) = 106 €

214 €

 

 

CAYAQUITOS    Mexico 2009 752.jpg (4044372 byte)

 

 

Ci sono tante foto e molte non ci sono ma non riuscirò mai a far capire quello che ho visto...

Non è facile spiegare, non potrò mai spiegare quello che ho dentro attraverso i ricordi...

 

 

 

 

 

 

scrivimi-write to me-escríbeme !

 

 

 

 

Home ] AFRICA ] AMERICA ] ASIA ] EUROPA ] OCEANIA ]